Welcome to Olivo Santa Barbara

L’Olivo Santa Barbara is a blog about cultural similarities and differences between Italy and the United States, with some emphasis on Santa Barbara, California.  The blog addresses history, travel, film, music, art, food, and people and animals.  Following an introduction in English, you can choose to read each post in Italian or English.  Comments are welcome, as are ideas for future posts.

Flag_USAClick here to read in English Flag_ItalyFai click qui per leggere in Italiano
Posted in English, Italiano | 2 Comments

The Messner Mountain Museum

Reinhold Messner is widely considered one of the greatest mountaineers of all time.  Born in 1944 in South Tyrol, he made the first solo ascent of Mount Everest; then, along with another climber, he made the first ascent of Mount Everest without supplemental oxygen.  He was the first climber to ascend all 14 peaks over 8,000 meters (26,000 feet) above sea level.  He was the first to cross Antarctica and Greenland with neither snowmobiles nor dog sleds.  He also crossed the Gobi Desert alone.

In 2003, Messner began working on a mountaineering museum.  The Messner Mountain Museum (MMM) is a series of 6 museums spread across the Dolomite Mountains in Italy.  (Technically, the Alps include the Dolomites.  Locals call the mountain range in Italy’s northeast corner the Dolomites, while those in the northwest, in the Valle D’Aosta, call them the Alps.)  The six museums—Ortles, Dolomites, Ripa, Juval, Firmian and Corones—present the science of mountains and glaciers, the history of rock climbing and mountaineering, the history of mythical mountains, and the history of mountain-dwelling people.  Here are the six museums:

MMM Dolomites, also called “the museum in the clouds,” is housed in a renovated World War I fort on Monte Rite in the heart of the Dolomites.  At an altitude of 2,181 meters (7,156 feet), this museum is sensational for the views alone: From the plateau at the summit there is a 360° panorama of the most spectacular mountains in the Dolomites.  The theme is “rock” and “the vertical world” of the mountains.  The exhibitions illustrate the conquest of the Dolomites with reference to first ascents, new routes, and those natural scientists and mountaineers who wrote alpine history with their discoveries. As Messner has written, “I have climbed some 3,500 mountains in my life…Yet I have never seen more beautiful rock formations in the world than those of the Dolomites.”

MMM Ortles, the museum devoted to the world of ice, is located beneath a glacier at Sulden am Ortler at an elevation of 1,900 meters (6,234 feet) above sea level.  Skiing, ice-climbing and expeditions to the Poles are the themes of this museum.  Visitors are literally inside the mountain where they experience the worlds of ice mountains, the Arctic and Antarctic, and Mount Everest (“the third Pole”), as well as the power of avalanches.

MMM Ripa, a museum located in the castle above the town of Bruneck, is devoted to the mountain peoples of Asia, Africa, South America and Europe.  As Messner says, “It is the people in the mountains who give them life and a history.”  Exhibitions focus on the daily lives, dwellings, cultures and religions of people who live on the brink of life…including the Sherpas, South American Indians, Tibetans, Mongols and Hunzas.

MMM Juval is located in a castle in Vinschgau and is perched like an aerie on a rocky promontory.  This museum is dedicated to the myth and magic of the mountains.  It houses several fine art collections, including a gallery of paintings of the world’s holy mountains, a collection of masks from five continents, and even a Tantra Room where the traditions of Hinduism and Buddhism are explored, such as mantras, meditation and yoga.

MMM Firmian, the museum located in Sigmundskron Castle near Bozen, addresses man’s encounter with the mountains.  It is organized as an itinerary along paths, stairs and towers for viewing works of art, installations and relics.  From exploring the depths of the mountains to the religious significance of their peaks as an aid to orientation and a bridge to the beyond, this museum also includes the history of mountaineering and of the alpine tourist industry.

MMM Corones is the final act in the Messner Mountain Museum project and is dedicated to mountain history and mountaineering.  In this museum, Messner presents the development of modern mountaineering, 250 years of progress in the evolution of equipment, and the triumphs and tragedies on the world’s most famous peaks.  Corones is situated on the summit plateau of Kronplatz at 2,275 meters (7,464 feet). It is on the edge of the most magnificent viewing platform in South Tyrol with panoramas extending throughout the Alps.

It is this museum that attracted the attention of CNN, which featured it in “10 scenic and remote museums worth the trip;” each offers stunning natural beauty and artistic value around the world.  This museum was designed by Zaha Hadid (1950-2016), the British-Iraqi architect widely believed to be one of the foremost architects of the late 20th and early 21st centuries.  Her major works include the London Aquatics Centre for the 2012 Olympics, the Broad Art Museum in Los Angeles, Rome’s MAXXI Museum and the Guangzhou Opera House.

Messner sums up Corones this way: “South Tyrol’s famous mountain for skiers and hikers and a perfect launchpad for hanggliders and paragliders is now home to the crowning piece of my mountain museum project…It is a place of withdrawal that opens up the human senses for the above and beyond, where the mountains become an experiential space and a part of our culture.  In mental flights beyond all summits, they are revealed anew.”

Posted in Alpe, Architecture, Arte, English, Foto, Italia, Lo Sport, Storia, Vacanze | Leave a comment

Il Messner Mountain Museum

Reinhold Messner è ampiamente considerato uno dei più grandi alpinisti di tutti i tempi. Nato nel 1944 in Alto Adige, ha effettuato la prima salita in solitaria dell’Everest; poi, insieme ad un altro alpinista, ha effettuato la prima salita dell’Everest senza ossigeno supplementare. È stato il primo scalatore a salire tutte e 14 le vette oltre gli 8.000 metri sul livello del mare. È stato il primo ad attraversare l’Antartide e la Groenlandia senza motoslitte né slitte trainate da cani. Ha anche attraversato il deserto del Gobi da solo.

Nel 2003 Messner ha iniziato a lavorare a un museo dell’alpinismo. Il Messner Mountain Museum (MMM) è una serie di 6 musei sparsi sulle Dolomiti d’Italia. (Tecnicamente, le Alpi includono le Dolomiti. La gente del posto chiama la catena montuosa nell’angolo nord-orientale dell’Italia le Dolomiti, mentre quelli del nord-ovest, in Valle D’Aosta, le chiamano Alpi.) I sei musei sono Ortles, Ripa, Dolomites, Juval, Firmian e Corones; presentano la scienza delle montagne e dei ghiacciai, la storia dell’arrampicata su roccia e dell’alpinismo, la storia delle montagne mitiche e la storia degli abitanti delle montagne. Ecco i sei musei:

MMM Dolomites, chiamato anche “il museo tra le nuvole”, è ospitato in un forte ristrutturato della prima guerra mondiale sul Monte Rite, nel cuore delle Dolomiti. A un’altitudine di 2.181 metri, questo museo è sensazionale già solo per i panorami: dall’altopiano in vetta si gode un panorama a 360° delle montagne più spettacolari delle Dolomiti. Il tema è “la roccia” e “il mondo verticale” della montagna. Le mostre illustrano la conquista delle Dolomiti con riferimento alle prime scalate, alle nuove vie e a quei naturalisti e alpinisti che hanno scritto la storia alpina con le loro scoperte. Come ha scritto Messner, “Ho scalato circa 3.500 montagne in vita mia… Eppure non ho mai visto formazioni rocciose più belle al mondo di quelle delle Dolomiti”.

MMM Ortles, il museo dedicato al mondo del ghiaccio, si trova sotto un ghiacciaio a Solda all’Ortles a un’altitudine di 1.900 metri sul livello del mare. Sci, arrampicata su ghiaccio e spedizioni ai poli sono i temi di questo museo. I visitatori sono letteralmente all’interno della montagna, dove vivono il mondo delle montagne di ghiaccio, l’Artico e l’Antartico e l’Everest (“il terzo polo”), oltre al potere delle valanghe.

MMM Ripa, un museo situato nel castello sopra la città di Brunico, è dedicato ai popoli montani di Asia, Africa, Sud America ed Europa. Come dice Messner: “Sono le persone che danno vita e una storia alla montagna”. Le mostre si concentrano sulla vita quotidiana, le abitazioni, le culture e le religioni di persone che vivono una vita estrema… inclusi gli sherpa, gli indiani sudamericani, i tibetani, i mongoli e gli hunza.

MMM Juval si trova in un castello in Val Venosta ed è arroccato come un nido su un promontorio roccioso. Questo museo è dedicato al mito e alla magia della montagna. Ospita diverse collezioni d’arte, tra cui una galleria di dipinti delle montagne sacre del mondo, una collezione di maschere provenienti dai cinque continenti e persino una Sala Tantra dove vengono esplorate le tradizioni dell’induismo e del buddismo, come mantra, meditazione e yoga. 

MMM Firmian, il museo situato nel castello di Sigmundskron vicino a Bolzano, parla dell’incontro dell’uomo con la montagna. È organizzato come un percorso lungo sentieri, scale e torri per la visione di opere d’arte, installazioni e cimeli. Dall’esplorazione delle profondità delle montagne al significato religioso delle loro vette come ausilio all’orientamento e ponte verso l’aldilà, questo museo comprende anche la storia dell’alpinismo e del turismo alpino.

MMM Corones è l’ultimo atto del progetto del Messner Mountain Museum ed è dedicato alla storia della montagna e all’alpinismo. In questo museo, Messner presenta lo sviluppo dell’alpinismo moderno, 250 anni di progressi nell’evoluzione delle attrezzature, i trionfi e le tragedie sulle vette più famose del mondo. Corones si trova sull’altopiano sommitale del Plan de Corones a 2.275 metri. Si trova ai margini della magnifica piattaforma panoramica dell’Alto Adige con panorami che si estendono su tutte le Alpi. 

È questo museo che ha attirato l’attenzione della CNN, che lo ha presentato in “10 musei panoramici e remoti che valgono il viaggio”; ognuno offre una straordinaria bellezza naturale e valore artistico in tutto il mondo. Questo museo è stato progettato da Zaha Hadid (1950-2016), l’architetto britannico-iracheno ampiamente ritenuto uno dei principali architetti della fine del XX e dell’inizio del XXI secolo. Le sue opere principali includono il London Aquatics Centre per le Olimpiadi del 2012, il Museo MAXXI di Roma, il Broad Art Museum di Los Angeles e il Guangzhou Opera House. 

Messner riassume così Corones: “La famosa montagna altoatesina per sciatori ed escursionisti, perfetto trampolino di lancio per deltaplani e parapendio è ora il pezzo di coronamento del mio progetto di museo della montagna… È un luogo di ritiro che apre i sensi umani per il sopra e l’oltre, dove le montagne diventano uno spazio esperienziale e una parte della nostra cultura. I voli mentali al di là di tutte le vette, si rivelano di nuovo.”

Posted in Alpe, Architecture, Arte, Foto, Italia, Italiano, Lo Sport, Storia | Leave a comment

I Bronzi di Riace: Il 50° Anniversario

Circa 5 anni fa ho scritto sui Bronzi di Riace, che sono le statue bronzee classiche più famose oggi in Italia. Il post, I misteri dei Bronzi di Riace (nel febbraio 2017), elencava le domande emerse dopo che un sommozzatore scoprì i due giovani nel 1972 nelle acque ioniche al largo di Riace nella regione della Calabria: Chi erano questi due figure? Da dove vengono? Chi li ha creati? Sono stati contrabbandati o persi in un naufragio? Dove erano diretti?

Molte teorie abbondano sull’origine dei bronzi. Tuttavia, molti esperti oggi ritengono che siano stati creati ad Argo e ad Atene in Grecia, nelle botteghe dei migliori artisti dell’antichità, durante il V secolo a.C. Ora, a più di 2000 anni dalla loro creazione e 50 anni dalla loro riscoperta, si sono aggiunti nuovi misteri e, grazie ai lavori di restauro, sono venute alla luce nuove informazioni.

La squadra di archeologi che ha portato in superficie il Guerriero A e il Guerriero B, come furono successivamente battezzati, dal fondo del mare ha notato qualcosa di strano. Non c’erano altri segni di altri manufatti antichi nella zona. Ciò faceva sembrare alquanto strana la presenza dei bronzi. Porto Foricchio, il vicino porto, era in uso nell’antichità, ma si hanno poche notizie sul suo ruolo. C’era un legame tra il porto e i bronzi, in termini di provenienza o destinazione?

Già nel 1972, il subacqueo che era in vacanza durante quel periodo e che per primo scoprì i bronzi disse di aver visto anche un elmo e uno scudo e un gruppo di statue, una delle quali con le braccia spalancate e un piede davanti all’altro. Tuttavia, questa descrizione non corrisponde né al Guerriero A né al Guerriero B. Ci sono altri bronzi ed altri manufatti da scoprire?

Dopo la loro estrazione dalle acque ioniche, i due bronzi sono stati oggetto di un ampio lavoro di conservazione a Firenze a partire dal 1975. Un’accurata pulitura e studio ha permesso agli esperti di scoprire come venivano realizzati. Nonostante una sapiente conservazione, “la salute” dei bronzi restava a rischio: entrambe le statue erano state riempite di sedimenti durante secoli sotto il mare, ed erano state immerse in acqua e sale che corrosero il bronzo. Due interventi a Reggio Calabria – tra il 1992 e il 1995, e tra il 2010 e il 2013 – hanno rimosso i sedimenti pericolosi e lasciato le statue a metà del peso rispetto a quella del 1972.

La conservazione ha rivelato molto sulla colorazione originale dei bronzi. C’era una sfumatura rossa sulle loro labbra e sui loro capezzoli. I loro occhi erano realizzati con pasta di vetro e calcite con piccole pietre rosa per i dotti lacrimali. Un guerriero aveva denti d’argento. Ciò che ha sorpreso di più restauratori e archeologi è stato il modo in cui sono stati resi i loro capelli e le loro barbe; la lega utilizzata ha dato loro una tonalità dorata, il che significa che erano entrambi biondi.

Grazie all’archeometria moderna, che è lo studio dei materiali antichi per datare i manufatti, le statue furono realizzate nel Peloponneso e poi trasportate a Roma. Secondo l’Antologia Palatina, una raccolta di epigrammi greci risalenti al X secolo, l’imperatore Costantino voleva che un antico gruppo scultoreo greco che era ospitato a Roma fosse trasferito nella nuova capitale, Costantinopoli, all’inizio del IV secolo d.C. Molto probabilmente i guerrieri A e B facevano parte della collezione che non raggiunse mai il Medio Oriente ma affondò vicino a Riace.

Altri guerrieri? Il sindaco di Riace ha annunciato che in occasione del 50° anniversario della riscoperta dei due bronzi, nel 2022 verrà effettuato un nuovo “scavo” archeologico nella speranza di trovare più reperti. Durante tutto l’anno Reggio Calabria e tutta l’Italia celebreranno i guerrieri con eventi e seminari. Il centro di Reggio Calabria diventerà un museo archeologico a cielo aperto. Dall’ottobre 2022 alla fine del 2023, gli eventi proseguiranno in tutta Italia e in Europa dedicati alla Magna Grecia, le aree costiere dell’Italia meridionale nelle attuali regioni di Calabria, Puglia, Basilicata, Campania e Sicilia, popolate da coloni greci. Al centro delle celebrazioni ci saranno questi antichi guerrieri, simboli di forza, di bellezza e di un glorioso passato.

Posted in Arte, Calabria, Foto, Italia, Italiano, Storia | 1 Comment