Welcome to Olivo Santa Barbara

L’Olivo Santa Barbara is a blog about cultural similarities and differences between Italy and the United States, with some emphasis on Santa Barbara, California.  The blog addresses history, travel, film, music, art, food, and people and animals.  Following an introduction in English, you can choose to read each post in Italian or English.  Comments are welcome, as are ideas for future posts.

Flag_USAClick here to read in English Flag_ItalyFai click qui per leggere in Italiano
Posted in English, Italiano | 2 Comments

Quiz sul Rinascimento italiano

1. In quale secolo fu usato per la prima volta il termine “Rinascimento”?

o XVI

o XVII

o XVIII

o XIX

Si ritiene che il termine “Rinascimento” sia stato usato per la prima volta dallo storico francese Jules Michelet nel 1858, ripreso poi dallo storico svizzero Jacob Burckhardt nel suo libro del 1860, “La civiltà del Rinascimento in Italia”.

2. Il Rinascimento vide conquiste in quale(i) campo(i)?

o pittura e scultura

o letteratura e filosofia

o scienza e tecnologia

o esplorazione

o tutte le risposte precedenti

Le caratteristiche del Rinascimento includono un rinnovato interesse per l’antichità classica, l’ascesa dell’umanesimo e cambiamenti ideologici radicali nella religione, nella politica e nella scienza. Mentre spesso associamo il Rinascimento con le realizzazioni artistiche nel campo della pittura, della scultura e dell’architettura, ci sono stati enormi progressi in quasi tutti i campi dell’attività umana.

3. Quale delle seguenti  opzioninon era una caratteristica dell’umanesimo?

o fede nella dignità umana

o convinzione che tutta la conoscenza viene da Dio

o credenza nella responsabilità di condurre vite personalmente soddisfacenti

o credere nella responsabilità di contribuire al bene più grande

Durante il Rinascimento, c’è stato un passaggio dal pensare che Dio governasse tutto il pensiero e gli eventi a una filosofia incentrata sull’uomo (da qui il termine Umanesimo che trova espressione nella locuzione latina ‘homo faber fortunae suae’, che tradotto significa che l’uomo è artefice della propria sorte). 

4. Qual è stato il testo più copiato nel XV secolo?

o La Bibbia

o La Divina Commedia di Dante

o Storia naturale di Plinio il Vecchio

o Sulla Repubblica di Cicerone

Durante il Rinascimento furono riscoperti antichi manoscritti, perduti da secoli. Papi e principi accumularono vaste biblioteche di manoscritti greci e latini, scritti faticosamente da amanuensi su pergamena, cioè pelli di pecore, capre o asini.  La Divina Commedia, scritta in italiano “volgare” tra ill 1308 e il 1320, all’inizio era considerata adatta solo per incartare il pesce. Dalla fine invece del XIV secolo, era il testo più riprodotto. 

5. Quale Medici fu esiliato da Firenze da Savonarola?

o Cosimo (il patriarca)

o Piero, figlio di Cosimo

o Lorenzo, figlio di Piero

o Piero, figlio di Lorenzo

I Medici, la prima famiglia di Firenze, governarono la città-stato e poi l’intera Toscana, di tanto in tanto, dalla metà del XIV alla metà del XVIII secolo. Conosciuti per banche e collezioni d’arte, la famiglia esercitava un ampio potere … incluso quello religioso, visti i familiari presenti all’interno della gerarchia della Chiesa cattolica. Potevano essere feroci nemici; gestirono abilmente la cittadinanza attraverso elezioni e tasse. Accumularono e conservarono alcuni dei più grandi tesori del Rinascimento. Il figlio di Lorenzo “Il Magnifico”, Piero “Lo Sfortunato” fu esiliato da Firenze nel “il falò delle vanità” di Savonarola nella purga della corruzione da lui percepita. 

6. Dove si trova il “David” di Michelangelo?

o Roma

o Milano

o Venezia

o Firenze

Con un peso di oltre cinque tonnellate, la scultura del “David” fu realizzata da Michelangelo in tre anni. Ora è considerato uno dei più capolavori iconici nel Rinascimento italiano. La scultura è oggi visibile alla Galleria dell’Accademia di Firenze.

7. Quale uomo del Rinascimento inventò il paracadute?

o Caravaggio

o Leonardo da Vinci

o Michelangelo

o Hieronymus Bosch

Sicuramente Leonardo da Vinci può essere ricordato soprattutto per i suoi dipinti, e solo 15-20 arrivati sino a noi.  Di Leonardo si conservano ancora oggi circa 50 taccuini, su cui note e schizzi (fra 20.000 e 28.0000) testimoniano i suoi studi sul corpo umano, sulla natura e sulle innovazioni o invenzioni: fra cui una macchina volante e un prototipo del primo paracadute al mondo, costruito con un pezzo di stoffa su struttura piramidale in legno. 

8. Perché a Michelangelo non piaceva Raffaello?

o Raffaello era troppo vecchio

o Raffaello lo stava copiando

o Raffaele era scortese con lui

o Raffaello era un truffatore

L’affascinante prodigio artistico Raffaello aveva otto anni meno del burbero Michelangelo e la tensione era alta quando lavoravano insieme. Michelangelo sosteneva che Raffaello stesse copiasse il suo stile. Raffaello rispose dipingendo Michelangelo un po’ imbronciato, nel suo famoso affresco “Scuola di Atene” in Vaticano. 

9. Quale scoperta astronomica non è attribuita a Galileo Galilei?

o Plutone

o le lune di Giove

o le macchie del sole

o la Via Lattea

Galileo, uno dei più famosi scienziati usciti dal Rinascimento, usò il telescopio appena inventato per realizzare enormi passi in astronomia. Fu il primo a notare che il sole aveva delle macchie, ad osservare la Via Lattea e ad identificare le lune di Giove.

10. La stampa divenne disponibile per l’uso commerciale nel 1450. Di quale delle seguenti opzioni  non fu responsabile l’invenzione?

o fornire lavoro per amanuensi e miniatori

o aumentare l’alfabetizzazione

o promuovere il passaggio dalla pergamena alla carta

o promuovere la Riforma

o esortando la gente alla guerra

La diffusione dell’alfabetizzazione richiedeva la disponibilità di testi a basso costo, cartai e librai avevano già da tempo fornito a maestri e studenti libri e grammatiche molto prima dell’arrivo della stampa. I livelli di alfabetizzazione in Toscana diminuirono nel XVI secolo. La prosperità economica e le libertà politiche dei secoli XIV e XV hanno fatto più per l’alfabetizzazione della stampa.

Posted in Uncategorized | 1 Comment

Quiz on the Italian Renaissance

  1.  In which century was the term “Renaissance” first used?

o 16th

o 17th

o 18th

o 19th

It is believed that the term “Renaissance” was first used by the French historian Jules Michelet in 1858, but it was inked into history by the Swiss historian Jacob Burckhardt in his 1860 book, “The Civilization of the Renaissance in Italy.”

2. The Renaissance witnessed achievements in which field(s)?

o painting and sculpture

o literature and philosophy

o science and technology

o exploration

o all the above

Characteristics of the Renaissance include a renewed interest in classical antiquity, the rise of humanism, and radical changes in ideas about religion, politics, and science.  While we often associate the Renaissance with achievements in painting, sculpture and  architecture, there were tremendous advances in almost every field of human endeavor.

3. Which of the following was not a characteristic of humanism?

o belief in human dignity

o belief that all knowledge comes from God

o belief in the responsibility to lead personally fulfilling lives

o belief in the responsibility to contribute to the greater good

During the Renaissance, there was a shift from thinking that God ruled all thought and events to a human-centered philosophy.

4. Which was the most copied text during the 15th century?

o The Bible

o Dante’s Divine Comedy

o Pliny the Elder’s Natural History

o Cicero’s On the Republic

During the Renaissance, ancient manuscripts, lost for centuries, were rediscovered.  Popes and princes amassed vast libraries of Greek and Latin manuscripts laboriously written out by scribes on parchment, which were the skins of sheep, goats or donkeys.  In the beginning, the Divine Comedy, written in the “vulgar” Italian in 1308-1320, was considered fit only for wrapping fish.  By the end of the 15th century, it was the most reproduced text.

5. Which Medici was exiled from Florence by Savonarola?

o Cosimo (the patriarch)

o Cosimo’s son Piero

o Piero’s son Lorenzo

o Lorenzo’s son Piero

The Medici, the first family of Florence, ruled the city-state, off and on, from the mid-14th to the mid-18th centuries.  Known for banking and art collection, the family wielded extensive power…including populating the Catholic Church’s hierarchy.  They could be vicious with enemies; they manipulated the citizenry though elections and taxes.  They also amassed and preserved some of the Renaissance’s greatest treasures.  The son of Lorenzo “The Magnificent”, Piero “the Unfortunate,” was exiled from Florence in Savonarola’s “bonfire of the vanities” and his purge of perceived corruption.

6. Where is Michelangelo’s “David” located?

o Rome

o Milan

o Venice

o Florence

Weighing more than five tons, the “David” sculpture took Michelangelo three years to complete.  It is now considered one of the most iconic masterpieces to come out of the Italian Renaissance.  The sculpture can be seen today at the Accademia Gallery in Florence.

7. Which Renaissance man invented the parachute?

o Caravaggio

o Leonardo da Vinci

o Michelangelo

o Hieronymus Bosch

 While Leonardo da Vinci may be most remembered for his paintings, only 15-20 survive today, depending on attribution.  However, 50 notebooks of between 20,000 and 28,000 notes and sketches survive of his studies of the human body, nature, and innovations or       inventions like a flying machine and a prototype of the world’s first parachute, which he created by draping a piece of cloth over a wooden pyramid-shaped structure.

8. Michelangelo disliked Raphael because of what claim?

o Raphael was too old

o Raphael was copying him

o Raphael was rude to him

o Raphael was a conman

The charming artistic prodigy Raphael was eight years younger than the surly Michelangelo, and tensions ran high when they worked next door to each other.  Michelangelo claimed that Raphael was copying his style.  Raphael responded by painting a sulking Michelangelo into his famous “School of Athens” fresco in the Vatican.

9. Which astronomical discovery is not credited to Galileo Galilei?

o Pluto

o the moons of Jupiter

o the sun’s spots

o the Milky Way

One of the most famous scientists to come out of the Renaissance, Galileo used the newly invented telescope to make enormous strides in astronomy.  He was the first to note that the sun had spots, to observe the Milky Way, and to identify the moons of Jupiter. 

10.The printing press became available for commercial use in 1450.  Which of the following was this invention not responsible for?

o providing work for scribes and illuminators

o increasing literacy

o promoting the changeover from parchment to paper

o promoting the Reformation

o exhorting people to war

While the spread of literacy required the availability of inexpensive texts, stationers and booksellers had amply supplied school-

            masters and students with primers and grammars long before the arrival of print.  Literacy levels in Tuscany declined over the

            16th century.  Economic prosperity and political liberties of the 14th and 15th centuries did more for literacy than the printing press.

Posted in Uncategorized | 1 Comment

Patrimonio Mondiale

Secondo l’UNESCO, “Il patrimonio è la nostra eredità del passato, ciò con cui viviamo oggi e ciò che trasmettiamo alle generazioni future. Il nostro patrimonio culturale e naturale sono fonti insostituibili di vita e di ispirazione”.  L’UNESCO — l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura — è stata fondata nel 1945 per promuovere la pace e la sicurezza nel mondo attraverso la cooperazione internazionale nel campo dell’istruzione, delle scienze e della cultura.  La missione dell’UNESCO si è estesa negli anni per includere l’istituzione di siti del patrimonio mondiale di importanza culturale e naturale.

Le origini risalgono al 1954, quando l’Egitto decise di costruire la nuova diga di Assuan. Prevedibilmente, il serbatoio che ne sarebbe risultato, avrebbe inondato una vasta area della valle del Nilo, che conteneva tesori dell’antico Egitto e dell’antica Nubia. I governi di Egitto e Sudan allora chiesero all’UNESCO di aiutarli a proteggere i monumenti e i siti in pericolo. Il progetto portò al recupero di migliaia di oggetti e al trasferimento su un terreno più elevato di importanti templi.  Fu anche il punto di inizio della Convenzione sulla Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale con la conseguente istituzione della Lista del Patrimonio Mondiale.

Le Isole Galapagos in Ecuador, il Parco Nazionale di Yellowstone negli Stati Uniti e l’isola di Goree in Senegal (il primo centro commerciale tra Africa e Americhe, oltre che centro del traffico di schiavi sulla costa africana) furono tra i 12 siti nominati nella prima lista nel 1978.  La Lista del Patrimonio Mondiale attualmente consiste in un totale di 1.153 beni in 167 paesi in tutto il mondo. L’ultimo aggiornamento di luglio 2021 include i portici di Bologna. Secondo l’UNESCO, alcuni portici sono costruiti in legno, mentre altri sono in pietra o mattoni. Coprono strade, piazze, sentieri e camminamenti di Bologna, e talvolta si trovano su entrambi i lati della strada. Coprono un’area totale di 62 km e sono una parte importante dell’identità di Bologna. Quest’anno l’UNESCO ha riconosciuto anche Montecatini Terme in Toscana, e gli affreschi trecenteschi di Padova, tra cui il ciclo di affreschi della Cappella degli Scrovegni di Giotto, che ha segnato l’inizio di uno sviluppo rivoluzionario nella storia della pittura murale.

Con 58 siti, l’Italia ha il maggior numero di Patrimonio Unesco. È interessante notare che la città con il maggior numero di siti non è Roma o Parigi ma Córdoba, che è la ventiduesima città più grande della Spagna. La Moschea di Córdoba è stato il primo sito nominato della città. Gli storici ritengono che la struttura originale sia stata costruita come chiesa nel VI secolo, convertita in moschea nel secolo successivo e in seguito trasformata di nuovo in cattedrale. La linea stilistica dell’edificio, con i suoi numerosi archi a ferro di cavallo, cupole e piastrelle decorative, è l’epitome dell’architettura moresca.

Il patrimonio culturale non riguarda solo monumenti e siti naturali, ma anche tradizioni, espressioni orali, pratiche sociali e riti trasmessi, nei secoli, dai nostri antenati. Ecco perché nel 2017 l’UNESCO ha inserito l’arte dei pizzaioli napoletani nella onorata Lista del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità: “Il saper fare culinario legato alla produzione della pizza – che comprende gesti, canti, forme di espressione visiva, espressioni linguistiche locali e la capacità di gestire correttamente l’impasto della pizza e di trasformare la preparazione della pizza in una performance da condividere è senza dubbio un patrimonio culturale. I pizzaioli e i loro ospiti partecipano tutti a un rito sociale intriso di convivialità, dove bancone e forno in pietra fanno da palcoscenico”.

L’UNESCO stabilisce standard rigorosi per il riconoscimento. Un bene deve essere considerato di “eccezionale valore universale”, deve soddisfare condizioni di integrità e autenticità, e deve essere dotato di un adeguato sistema di protezione e gestione. Preservare questi siti, monumenti e tradizioni sarà una preziosa eredità per le generazioni future.

Posted in Architecture, Arte, Bologna, Foto, Italia, Italiano, Storia, Uncategorized | Leave a comment