Starbucks: Cerchio completo

Sulla targa commemorativa sulla parete si trova un omaggio a Milano: “La città che ha ispirato i nostri sogni.  Ogni caffè che abbiamo mai servito ci ha portato qui”. Si riferisce ad una visita del 1983 di Howard D. Schultz, presidente emerito di Starbucks, che ha più volte citato i bar milanesi come fonte d’ispirazione per la catena di caffetterie che ha aperto a Seattle e ora ha più di 27.000 sedi in tutto il mondo.

Nel settembre 2018, Starbucks ha aperto la sua prima caffetteria a Milano – in un elegante ex ufficio postale nel cuore della città – non lontana dal Duomo e dal castello Sforzesco.  Questa non è uno Starbucks ordinaria, ma un Reserve Roastery con torrefazione in loco, un piano bar di marmo toscano lungo 30 piedi, diversi stazione caffè, e più di 115 bevande (ed una mappa sede per i clienti).  Questa è il terzo Reserve Roastery, seguente le sedi a Seattle e Shangai, apparentemente progettato per un’entrata d’effetto nel paese del caffè e nella capitale della moda e del design in Italia.

L’Italia ha bisogno di Starbucks?  Sopravvivrà?  Il giorno di apertura c’erano persone in attesa almeno da un’ora in una coda che serpeggiava attorno all’edificio.  Questa era una novità, un evento che molti italiani attenti alla moda hanno accolto, insieme alle venti tazze – uno status symbol per i giovani che le esibivano mentre passeggiano per la città. Accoglieranno anche bevande americane come il latte speziato alla zucca con salsa di noci di acero?

Bere caffè è una questione di abitudine. Per molti italiani che ripudiano l’acqua sporca di caffè americano e amano le loro dosi di caffeina nei bar della zona, le cose non cambieranno. Inoltre, molti italiani in America rimangono attaccati ancora al loro Lavazza e trovano il caffè da Starbucks “bruciato e troppo tostato”. E Starbucks non è economico: un espresso nella sede milanese costa 1.8 euro rispetto a 1 euro in un caffè di una zona tipica. Il cappuccino a 4.5 euro è tre volte il prezzo locale.

I bar affermati non sembrano preoccupati da questo nuovo invasore nel mercato del caffè. Sono fiduciosi nella loro clientela e nel loro caffè di qualità e nel loro prodotto, che include anche il cibo, un’atmosfera rilassata, un luogo di incontro sociale, e il conforto dell’abitudine. Secondo il direttore di Starbucks, la torrefazione offre “un’esperienza” che non compete con i caffè milanesi, che hanno le loro tradizioni e storie. Invece, offrirà servizi tipici di quelli negli Stati Uniti, tra cui la connessione Wi-Fi gratuita e “la possibilità di venire, sedersi, comprare niente, e fare riunioni di lavoro”. I clienti possono anche venire a bersi rapidamente un espresso al bar, il solito approccio italiano.

Starbucks prevede di aprire 3 caffetterie regolari a Milano entro la fine dell’anno. C’è spazio per tutti? Chi vivrà, vedrà.

Advertisements
This entry was posted in Abitudini, Cucina italiana, Differenze culturali, Foto, il Caffé, Italia, Italiano, La Moda, Milano. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.