La Luna Rossa: La sfidante per la Coppa America

Domenica 21 febbraio, Luna Rossa Prada Pirelli si è guadagnata il diritto di correre contro Emirates Team New Zealand per la Coppa America 2021. La barca italiana ha vinto la gara di qualificazione nel Golfo di Hauraki (Auckland, Nuova Zelanda) battendo INEOS Team UK in 7 a 1, dimostrando la propria superiorità di Luna Rossa in ogni aspetto della regata: barca più veloce, migliori manovre, un posizionamento quasi perfetto in campo. Di proprietà di Patrizio Prada, CEO di Prada, Luna Rossa è guidata da Max Sirena. L’equipaggio di 11 uomini comprende i timonieri Francesco Bruni e Jimmy Spithill (australiano). Mentre il team ha festeggiato con rum aggiunto allo champagne all’interno della Coppa Prada, che è passata di mano in mano, da marinaio in marinaio, il team ha anche giurato di fare tutto il necessario per vincere la “Vecchia Brocca” (the “Auld Mug”), come viene affettuosamente chiamata: “Non lasceremo niente di intentato per portare la Coppa America in Italia per la prima volta in 170 anni “.

Il più antico trofeo nello sport, la Coppa America iniziò nel 1851 quando il Royal Yacht Squadron ospitò una regata intorno all’isola di Wight nel Regno Unito. Vinse allora la goletta America. Il trofeo fu chiamato “America’s Cup”,  lo yacht fu donato al New York Yacht Club (NYYC) e la coppa fu dedicata alla competizione internazionale. La gara si svolge tra due yacht a vela: il difensore rappresenta lo yacht club che attualmente detiene la Coppa America e lo sfidante rappresenta lo yacht club concorrente. Il difensore e lo sfidante determinano i tempi di ogni partita. La Coppa America non ha avuto un programma fisso nel corso degli anni, ma la competizione si è svolta recentemente ogni tre o quattro anni.

C’è stato un solo sfidante fino al 1970. A causa di più sfidanti da allora in poi, il NYYC ha accettato di correre una serie di gare con il vincitore che diventava lo sfidante ufficiale. Dal 1982, la Louis Vuitton Cup è il premio per il vincitore della serie di selezione sfidante. (Quest’anno Prada ha sponsorizzato la serie di selezione degli sfidanti.) Il trofeo della Coppa America è stato detenuto dal NYYC fino al 1983, primo posto più lungo nella storia di tutti gli sport. Successivamente Australia, Nuova Zelanda e persino Svizzera (un paese senza mare) hanno condiviso le luci della ribalta come difensori. L’Italia è apparsa sulla scena nel 1992 quando Il Moro di Venezia della Compagnia della Vela (Yacht Club) sfidò e perse l’America del San Diego Yacht Club. L’Italia è stata nuovamente la sfidante ufficiale nel 2000, questa volta la Luna Rossa dello Yacht Club di Punta Ala (in Toscana) ha sfidato e perso contro il Team New Zealand. Nonostante il Regno Unito abbia ospitato originariamente l’America’s Cup, non ha mai vinto la “Auld Mug”. 

La storia e il prestigio della Coppa America attraggono non solo i migliori velisti e designer di yacht del mondo, ma anche ricchi imprenditori e sponsor. L’America’s Cup è una prova delle abilità veliche e del design della barca, nonché delle capacità di gestione e raccolta fondi. La competizione è costosa, con team moderni che spendono più di $100 milioni ciascuno. Ci sono regole specifiche che ogni paese deve seguire. Quest’anno le barche sono AC75, monoscafi da 75 piedi con foil. Non hanno chiglie, ma utilizzano invece un sistema a braccio inclinato a lamina per la leva. E sembrano volare a quasi 100 km all’ora! Ogni barca ha libertà in molte aree di progettazione, ma ci sono regole sulle barche costruite nel paese di origine. Allo stesso modo, il 20% dei marinai di ogni squadra deve avere il passaporto di quel paese e il resto deve soddisfare almeno un requisito di residenza. 

Luna Rossa Prada Pirelli affronterà ora Emirates Team New Zealand dal 6 al 15 marzo. Questo è l’evento per il quale il team si allena da quattro anni. In quanto squadra in difesa, i kiwi sono considerati intelligenti, abili e quasi certamente molto veloci. Hanno potuto sedersi e osservare la loro potenziale competizione nella Prada Cup. Per ora, l’Italia può festeggiare essendo la sfidante ufficiale della Coppa. Hanno navigato incredibilmente bene, su una barca che sembra incredibilmente veloce. Come ha detto lo skipper Sirena il 21 febbraio, “È una bella giornata per Luna Rossa e per la vela italiana. Grazie a tutti i tifosi che ci hanno spinto dall’Italia… spero, in questi tempi difficili, di aver portato gioia nelle case. E ora torniamo a migliorare la barca ed essere bravi come il Team New Zealand “.

This entry was posted in Firenze, Foto, Italia, Italiano, Lo Sport, New York, Sicilia, Storia, Toscana, Uncategorized, Venezia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.