Un italiano di nome Kobe

Calcio, sì, ma basket? Raramente si associa questo sport all’Italia.  Era in Italia, tuttavia, che Kobe Bryant appreso i primi rudimenti di basket, si esercitava incessantemente e sognava di diventare un giocatore della NBA. Nel 1984, il padre di Kobe, Joe ‘Jellybean’ Bryant, si ritirò dalla NBA per giocare in Italia e si trasferì con la famiglia a Rieti, nel Lazio. Così, a partire dai 6 anni, Kobe saltava dal balcone di casa dei suoi genitori, attraversava una strada trafficata e correva nel cortile della chiesa per lanciare la palla nel canestro. La famiglia si trasferì più volte: a Reggio Calabria, poi a Pistoia (in Toscana) e infine a Reggio Emilia. Durante i suoi anni formativi, fino all’età di 13 anni, Kobe imparò fluentemente l’italiano, praticava il basket e aveva molti amici. Ricordi, soprattutto quelli di Reggio Emilia, che si porterà dietro per tutta la vita.

Più tardi Kobe si stabilì definitivamente nel sud della California, luogo in cui divenne uno dei famosi Los Angeles Laker. Ed è qui che è morto nel gennaio 2020, in un incidente in elicottero insieme alla figlia di 13 anni e altre sette persone. Stava andando ad allenare sua figlia e le sue compagne di squadra per una partita di basket. Kobe è ora in lutto in tutto il mondo, in particolare nel sud della California e in Italia.

L’Italia sembra essere sempre stata nel cuore di Kobe. Ritornava a Reggio Emilia ogni volta che poteva. Ha dato alle sue quattro figlie nomi italiani: Natalia Diamante (17 anni), Gianna ‘Gigi’ Maria-Onore (13 anni), Bianc(k)a Bella (4 anni) e Capri Kobe (7 mesi). Nel 2018, ha ricevuto un Oscar per il miglior cortometraggio animato chiamato “Dear Basketball”. Il suo discorso di ringraziamento si è concluso con un omaggio in italiano a sua moglie e alle sue figlie: “Vi amo con tutto il mio cuore”.

Kobe ha rilasciato numerose interviste ai media italiani in un italiano impeccabile. In un’intervista del 2011 su Radio Deejay, ha dichiarato: “Sono cresciuto qui in Italia, è un paese che sarà sempre vicino al mio cuore. Sempre. Qui mi sento in pace”. Luca Vecchi, sindaco di Reggio Emilia, ha recentemente scritto su Facebook, “Kobe Bryant è cresciuto qui ed è stato, per tutti noi, un ‘Reggiano’”.  Davide Giudici, un amico di vecchia data ed ex compagno di squadra di Kobe, ha scritto: “Quando si è trasferito a Reggio Emilia e ha iniziato a giocare nella mia squadra, è stato subito chiaro che proveniva da un altro pianeta, un palmo sopra di noi.  Quando ci diceva spesso che un giorno sarebbe diventato un giocatore professionista della NBA, lo prendevamo in giro. Ma lavorava per questo. Alla fine della nostra formazione, noi siamo semplicemente andati a fare altre cose. Kobe, invece, è tornato a casa e ha continuato ad allenarsi con il canestro che suo padre aveva preparato per lui nel suo giardino”.

Da adulto, Kobe spesso veniva a Santa Barbara dove i Lakers facevano un allenamento estivo e Kobe lavorava con bambini al Boys and Girls Club e alla “Kobe Basketball Academy”.  Santa Barbara era una delle città preferite al mondo perché gli ricordava di suoi giorni in Italia: “È tranquilla e orientata alla famiglia, quindi riporta molti ricordi”.   Un aneddoto personale: quando il nostro amico Giuseppe Crisà (ora uno dei principali produttori di forni a legna per la pizza) arrivò qui dalla Sicilia per unirsi a suo fratello, si perse in un giorno in città. Fermò la macchina per chiedere a un uomo se poteva aiutarlo. Quando quest’uomo sentì  l’accento di Giuseppe, rispose immediatamente in italiano e insieme trovarono la casa del fratello. Quel buon samaritano era Kobe.

This entry was posted in California, Film, Foto, Italia, Italiano, La Lingua, Lo Sport, Santa Barbara. Bookmark the permalink.

1 Response to Un italiano di nome Kobe

  1. Jean Perloff says:

    Molto ben scritto e interessante! Io ero sempte una tiffosa dei Lakers e di Kobe. Un uomo complesso, intelligente e parlava italiano bene. Era chiaro che amava sempre l’Italia. Jean

    Sent from my iPhone

    >

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.