La Storia della Pizza in America

La storia della pizza inizia a New York City.  Nel 1897 Gennaro Lombardi, un panettiere di Napoli, aprì un negozio di alimentari a Spring Street a Manhattan.  Dal suo forno a carbone, iniziò a vendere torte di pomodoro avvolte in carta e legate con corda agli operai locali.

Nel 1905, a Lombardi fu concessa la prima licenza negli Stati Uniti per aprire una pizzeria.Lombardi's 1905 Era non solo una trattoria popolare, ma anche una risorsa della communità “Little Italy”.  “Gli italiani si incontravano lì e condividevano notizie locali e la chiacchiera;  Gennaro anche aiutava altri immigrati italiani a trovare un lavoro quando arrivavano,” secondo il proprietario corrente del ristorante.

Alla fine, i dipendenti di Gennaro lasciarono Lombardi’s per aprire le loro proprie pizzerie, tra cui Totonno’s a Coney Island e John’s Pizzeria nel West Village.  Le vendite della pizza anche crescevano perché i soldati avevano acquisito un gusto per la pizza in Italia durante le Seconda Guerra Mondiale.  Come le pizzerie  cominciarano a difondersi in tutti gli stati, le differenze regionali emergevano, proprio come in Italia.  La città di Chicago è conosciuta per la pizza a piatto profondo, mentre la pizza a New York ha croste sottili.

Rispetto agli italiani, agli americani, in generale, piacciono pizze con più  formaggio, e alcuni preferiscono le pizze più spesse.  Questa è la ragione per cui alcuni americani non capiscono la designazione VPN (Verace Pizza Napoletana).  Queste autentiche pizze PHFnapoletana sono sottili e hanno modeste quantità di condimenti.  L’equivalente dell’Associazione Veracepizza hall Pizza Napoletana negli Stati Uniti è la Pizza Hall of Fame, che è stata istituita nel 2005 dalla rivista del settore.  Questa “hall” virtuale (www.pizzahalloffame.com) esibisce pizzerie leggendare e pizzaioli che hanno contribuito a costruire la cultura della pizza americana.  Essere accettata, una pizzeria deve soddisfare i sequenti requisiti:

  • Deve essere aperta per il commercio al tempo presente
  • Deve essere in funzione per almeno 50 anni
  • Deve essere riconoscuita come un pilastro della communità
  • Deve essere in grado di fornire le foto dei suoi primi giorni di funzionamento, compresi i proprietari originali e le loro famiglie

Totonno'sNon sorprendentemente, Lombardi’s è nella Hall, come sono Totonno’s e John’s Pizzeria, insieme alla Patsy’s a East Harlem e Deninono’s a Staten Island.  New York è uno dei mercati di pizza John'spiù competitivi del mondo.  Ogni pizzeria deve trovare un modo per sopravvivere.  John’s, per esempio, accetta solo contanti, ha un menu limitato, e ha un ambiente dell’epoca, dove una cassa degli anni ’30 da il resto ai clienti.  Totonno’s, d’altra parte, ha aperto almeno 3 altre pizzerie a New York.

Frank PepeUn altro ristorante sulla costa orientale che è nella Hall è Frank Pepe Pizzeria Napoletana a New Haven, un’altra città americana che è ricca della storia degli immigrati italiani, e il luogo di nascita di mio marito.  Pepe era un immigrato dalla costiera amalfitana che venne a New Haven nel 1920.  Aprì una panetteria e consegnava le merci al quartiere con un carrello. Un giorno white clam pizzaappiattì un po’ di pasta di pane e ci mise alcuni avanzi sopra, e la cosse.  La Pizza di Pepe così nacque.  È considerato il creatore della pizze di stile “New Haven”, che sono leggendarie per il loro aspetto deforme, la crosta sottile e i bordi carbonizzati.  Oggi Pepe’s è famosa per la sua pizza alle vongole in bianco.

Lombardi's todayNon per caso  la Pizza Hall of Fame fu aperta nel 2005 e accettò Lombardi’s come il primo membro al centesimo anniversario della pizzeria.  Per commemorare la data, Lombardi’s vendette pizze intere per 5 centesimi, il prezzo all’apertura della pizzeria nel 1905.

Advertisements
This entry was posted in Cucina italiana, Differenze culturali, Foto, Italia, Italiano, New York, Storia, Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s