LavAzza (in italiano)

Che tipo di caffè desideri in questo momento? Un cappuccino mattutino? Un espresso pomeridiano? Un caffè americano o un caffè corretto? Preferisci il tuo caffè servito da un barista o preparato nella tua Moka o Gaggia o anche nella tua macchina da caffè Nespresso?

La cultura del caffè è importante in Italia, e anche per molte persone negli Stati Uniti. Altrettanto importante del processo e del godimento del caffè è il marchio che si sceglie. I marchi di caffè italiani più amati spaziano da Lavazza e Illy a Kimbo, Caffè Borbone e Caffè Passalacqua. Lavazza è marchiato come “il caffè preferito d’Italia” con una quota di mercato oggi superiore al 36%.

Il giovane Luigi Lavazza cercò fortuna a Torino alla fine del 1800. Nel 1895 trasformò il suo negozio di alimentari in una torrefazione di caffè, e oggi i membri della famiglia di terza e quarta generazione gestiscono la settima più grande attività di caffè del mondo. Lavazza è il numero 1 al mondo per espresso, e il caffè è venduto in 90 paesi. Vende caffè negli Stati Uniti dalla fine degli anni ’80.

L’Italia stessa in realtà non coltiva né produce caffè verde perché le condizioni di coltivazione non sono ideali. Come altre marchi di caffè, Lavazza deve importare caffè e lo fa dal Brasile, dalla Colombia, dal Guatemala, dalla Costa Rica, dall’Honduras, dall’Indonesia e da altri paesi. L’azienda conta oggi sei siti produttivi, tre in Italia e uno ciascuno in Francia, in India e in Brasile. Lavazza afferma che i suoi chicchi di caffè a torrefazione lunga gli conferiscono il caratteristico gusto dell’espresso italiano e attribuisce all’azienda anche il merito di aver inventato il concetto di miscelazione di diversi tipi di caffè provenienti da diverse aree geografiche per produrre prodotti distinti, tra cui Qualità Oro, Qualità Rossa, Il Perfetto Espresso, Caffè Crema, Gran Aroma Bar e Super Crema.

Attraverso la Fondazione Lavazza, l’azienda collabora con i coltivatori di caffè di tutto il mondo per migliorare il sostentamento e il benessere delle comunità di coltivatori di caffè. Istituita nel 2004, la fondazione finanzia progetti in 17 paesi, aiutando oltre 94.000 produttori di caffè a migliorare la resa dei raccolti, la qualità del caffè e le condizioni di vita dei lavoratori.

Lavazza, come molte altre aziende, sta affrontando un 2022 complesso e impegnativo. L’azienda ha sospeso tutte le sue attività in Russia ed è stata costretta a sospendere temporaneamente anche la distribuzione del caffè in Ucraina. I problemi della catena di approvvigionamento globale e gli eventi meteorologici hanno fatto aumentare i prezzi del caffè, degli imballaggi e dell’energia. Sia le aziende che i consumatori si assumono i rischi dell’attuale situazione geopolitica.

This entry was posted in Abitudini, Cucina italiana, Foto, il Caffé, Italia, Italiano, Piemonte, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.