La rinascita dello sport italiano

Stadio di Wembley, Londra, 11 luglio 2021. Gli Europei di calcio 2020 sono stati ritardati di un anno a causa della pandemia. Adesso è arrivato il giorno della finale. Il rumore allo stadio di Wembley è assordante. Il pubblico dei tifosi probabilmente è 5 a 1 per l’Inghilterra. Per resistere alla concorrenza in territorio nemico, la squadra di calcio italiana dovrebbe concentrarsi esclusivamente sul compito da svolgere. Eppure, nei primi minuti, l’Inghilterra ha segnato. Solo nel secondo tempo l’Italia ha segnato per andare al pareggio. Nei tempi supplementari nessuno ha messo a punto. Ma gli azzurri hanno vinto ai rigori, 3 a 2. Lo stadio in silenzio. Il trofeo di Euro 2020 va a Roma.

I Campionati Europei si tengono ogni quattro anni dal 1960, per nominare una squadra campione d’Europa. L’Inghilterra non ha mai vinto e l’Italia ha vinto una volta nel 1968. Anche la Coppa del Mondo si tiene ogni quattro anni e la prossima si terrà nel 2022. Il Brasile detiene il maggior numero di titoli con 5 Coppe, ma Italia e Germania ne hanno vinte 4 ciascuna; L’Italia ha prevalso nel 1934, nel 1938, nel 1982 e nel 2006.  Nell’ultimo Campionato Mondiale del 2018 l’Italia non si è nemmeno qualificata, sollevando preoccupazioni e dubbi sulla sua preparazione calcistica. Invece, sotto la guida dell’allenatore Roberto Mancini, si è trasformato in campione in soli tre anni. La squadra quest’anno ha mostrato verve, brio, grinta e nervi; la pazienza e la perseveranza sono state ripagate.

A inizio giornata del 16 luglio, a 16 kilometri a sud dello stadio di Wembley, l’All England Club di Wimbledon era al completo per il campionato di tennis maschile. Il venticinquenne esordiente, Matteo Berrettini, affrontava il serbo Novak Djokovic, 34 anni, un campione maturo, che ha già vinto 19 tornei del Grande Slam. Il pubblico più raffinato ha mostrato grande simpatia per l’italiano con cori ripetuti al suon di “Mat-te-o”, intonanti mentre cartelli con su scritto “Wimblettini” si agitavano in aria. Con una battuta di servizio a 146 miglia orarie, Berrettini è arrivato da dietro e ha prevalso nel primo set. Tuttavia, ha perso il campionato in quattro set. Djokovic ha guadagnato il suo 20° Grande Slam pareggiando sia lo spagnolo Rafael Nadal, che lo svizzero Roger Federer. Ma Djokovic ha ammesso che non è stato facile affrontare Berrettini e ha predetto che un giorno Matteo sarebbe diventato un grande campione.

Ciò che rende la sua performance particolarmente notevole è come Matteo sia cresciuto così rapidamente. Il suo dritto è sempre stato un’arma, ma fino a quest’anno il suo rovescio era debole. E non aveva praticamente mai giocato su erba fino a tre anni fa. Il suo allenatore, Vincenzo Santopadre, crede di non essere solo veloce ad apprendere, ma che siaanche un giovane umile con i giusti valori e la buona testa sulle spalle. Ciò che rende storica la sua prestazione è che è il primo italiano in assoluto ad andare in finale a Wimbledon. Nicola Pietrangeli ha raggiunto le semifinali 61 anni fa. Adriano Panatta ha vinto l’Open di Francia nel 1976, ma nessun italiano è mai stato in finale né agli Australian Open né agli US Open, gli altri due Tornei che compongono i Big Four.

Nel giugno 2021, il New York Times ha pubblicato un articolo in cui sosteneva che i giovani italiani avrebbero conquistato il Roland Garros. Tra coloro che hanno giocato in questo torneo oltre a Berrettini c’erano Gianluca Mager, Lorenzo Sonego, Andreas Seppi, Fabio Fognini, Marco Cecchinato e una coppia di diciannovenni, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti. Cosa rende l’Italia così capace nel tennis proprio in  questo momento storico? L’articolo dice: “Rispondere a questo è un po’ come chiedere indicazioni a Roma: molte risposte possibili, nessuna apparentemente migliore delle altre”. Alcuni giocatori ipotizzano che l’Italia stia organizzando un numero significativamente maggiore di tornei di livello inferiore per i professionisti; altri accreditano allenatori italiani più esperti di altri stranieri. I paesi a volte producono ondate di top player, come hanno fatto i tedeschi negli anni ’80 e gli americani negli anni ’90. Come conclude l’articolo, il futuro del tennis maschile “sembra improvvisamente molto italiano”. 

Non dimentichiamo altri due traguardi. Nel 2015 due donne italiane sono state nella finale degli US Open, garantendo una vittoria italiana. Flavia Pennetta ha battuto Roberta Vinci, ma entrambe le tenniste hanno festeggiato a New York con il Primo Ministro italiano all’epoca. E quest’anno ha visto un’altra sorta di vittoria: sebbene Luna Rossa Prada Pirelli abbia perso a marzo contro Emirates Team New Zealand nell’America’s Cup 2021, la barca italiana ha mostrato vera grinta e molto talento nella rincorsa che ha portato a vincere la Coppa di Prada, guadagnandosi il diritto di sfidare la Nuova Zelanda. 

Prossime tappe: gli US Open e la Coppa del Mondo 2022.

This entry was posted in Foto, Italia, Italiano, Lo Sport, New York, Roma, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.