Cicerone

Marco Tullio Cicerone (106-43 a.C.) fu statista, avvocato, studioso, oratore e politico romano. La sua influenza sulla lingua latina fu immensa: scrisse più di tre quarti della letteratura latina sopravvissuta. La scoperta da parte di Petrarca nel 1345 delle epistole di Cicerone è spesso ritenuta essere di grande rilevanza per il Rinascimento del XV secolo. A causa della sua padronanza della prosa latina, a volte si usa la parola “Cicerone” non per identificare un uomo, ma per nominare le capacità di qualcuno nell’eloquenza stessa.

Sebbene fosse esperto in molti campi, Cicerone riteneva  la sua carriera politica il suo risultato più importante. Tanto che arrivò persino ad ispirare i padri fondatori degli Stati Uniti e i rivoluzionari della rivoluzione francese. John Adams disse: “Tutte le età del mondo non produssero uno statista e un filosofo più forti di Cicerone”.  Thomas Jefferson riteneva Cicerone così importante che basò la bozza della Dichiarazione di indipendenza e modellò la comprensione americana del “buon senso” base per il diritto di rivoluzione, sulle idee di Cicerone.

Nel suo libro del 2001, “Cicero: The Life and Times of Rome’s Greatest Politician”, Anthony Everitt scrive che nessuno ha influenzato i padri fondatori più dello statista romano Cicerone:

“Quasi duemila anni dopo il suo tempo, Cicerone è divenuto un inconsapevole architetto di costituzioni che ancora governano le nostre vite. Per i padri fondatori degli Stati Uniti e le loro controparti politiche in Gran Bretagna, gli scritti di Cicerone furono il fondamento della loro educazione. Il primo libro di John Adams e il possesso più orgoglioso erano gli scritti di Cicerone.

“Cicerone scrisse di come dovrebbe essere organizzato uno stato e i responsabili delle decisioni del diciottesimo secolo lessero e assimilarono ciò che aveva da dire. La sua grande idea, che pubblicizzava instancabilmente, era quella di una costituzione mista o equilibrata. Favoriva non la monarchia, né l’oligarchia, né la democrazia, ma una combinazione di tutte e tre. Il suo modello era la stessa Roma, ma migliorata. Il suo esecutivo aveva poteri quasi reali. Fu frenato in parte dall’uso diffuso dei veti e in parte da un Senato, dominato da grandi famiglie politiche. I politici erano eletti dal popolo.

“Questo modello non è molto distante dalla costituzione originale degli Stati Uniti con l’attento equilibrio tra l’esecutivo e il legislativo, e i vincoli, ora in gran parte svaniti, che erano imposti alla democrazia pura senza freni”. I padri fondatori dell’America furono attenti ad evitare di costruire la Costituzione come una democrazia diretta, poiché erano preoccupati che la democrazia diretta sarebbe stata equivalente al governo della massa. Invece, i cittadini di ogni stato votarono per gli elettori, che a loro volta votarono il presidente. I senatori furono selezionati dalle legislature statali e i membri della Camera dei rappresentanti furono eletti direttamente.

Molti aspetti del modello originale sono cambiati nel tempo. Adesso è un buon momento per rivisitare la filosofia politica di Cicerone non solo per difendere la nostra forma di democrazia ma anche per migliorarla… cioè per riequilibrare i poteri del nostro governo e per cambiare la struttura del collegio elettorale.

This entry was posted in Italia, Italiano, Politica, Roma, Storia, Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.