Santa Rosalia: Una storia dentro una storia

Di recente, il critico d’arte Jason Farago ha scritto una storia sul New York Times intitolato “Il santo che ha fermato un’epidemia è bloccato al Met”. Racconta della sua visita solitaria al Metropolitan Museum of Art di New York per contemplare il dipinto di Anthony Van Dyck, “Santa Rosalie che intercede per la peste di Palermo”. Questo dipinto risalente a 400 anni fa doveva essere il fulcro della mostra “Making the Met: 1870-2020”, la celebrazione per il 150 ° compleanno del museo. Era prevista l’apertura a fine marzo prima del blocco della città.

La prima storia inizia nel 1599. Anthony Van Dyck nacque ad Anversa (nell’attuale Belgio) e iniziò a dipingere in tenera età.  Diventò un ritrattista di corte, rivoluzionando il genere. Sebbene abbia dipinto soggetti mitologici e biblici, oggi è meglio conosciuto per i suoi ritratti dell’aristocrazia europea.  Si recò a Londra per lavorare alla corte di re Giacomo I, poi nel 1621 partì per l’Italia dove vi rimase per 6 anni. Lì studiò i maestri italiani, mentre affinava la sua arte.  Si rifece allo stile di Veronese e Tiziano, così come a quello di Rubens. Principalmente con sede a Genova, dipinse l’aristocrazia genovese in uno stile a figura intera, dove figure estremamente alte e aggraziate guardano in basso lo spettatore da una grande superiorità.

Nella primavera del 1624, il venticinquenne van Dyck salpò per la Sicilia, dove era stato invitato a dipingere il viceré spagnolo dell’isola. Completò il ritratto e poi colpò il disastro: a maggio Palermo riferì dei primi casi di una pestilenza che avrebbe presto ucciso più di 10.000 persone, il 10% della popolazione della città. Il viceré, che Van Dyck aveva dipinto, dichiarò lo stato di emergenza e solo cinque settimane dopo morì.  In quarantena, Van Dyck osservò con orrore la chiusura del porto, delle porte della città e l’ospedale strabordò.

Ora la seconda storia. Rosalia nacque nel 1130 a Palermo da una nobile famiglia normanna che sosteneva di discendere da Carlo Magno. Fu devotamente religiosa e si ritirò per vivere come eremita in una grotta sul Monte Pellegrino in Sicilia, dove morì nel 1166. Secoli dopo, durante la pestilenza del 1624, la religiosa apparve prima a una donna malata e poi a un cacciatore, a cui indicava dove i propri resti dovevano trovarsi. Gli chiese di portare le proprie ossa a Palermo e di portarle in processione in tutta la città. L’epidemia si attenuò e i riconoscenti cittadini iniziarono a venerarla come La Santuzza, la Piccola Santa perché aveva salvato la città.

In risposta a ciò e come segno di riconoscenza, van Dyck iniziò a dipingere Rosalia. Dovette inventare un’iconografia per lei e decise di dipingerla come una giovane donna con i capelli lunghi, ricci, biondi o rossi, con le guance arrossate e gli occhi spalancati per l’estasi. Sotto di lei nel dipinto, “Santa Rosalie che intercede per la peste di Palermo”, si trova il porto di Palermo e sullo sfondo si trova il Monte Pellegrino, la collina dove sono state trovate le sue reliquie. Un putto porta una corona di rose rosa e bianche, come riferimento al suo nome; un altro putto tiene in mano il suo cranio. Sorvolando la città, Rosalia sembra promettere che l’epidemia alla fine si risolverà e che la bellezza trionferà.

Questo dipinto è uno dei 5 dipinti superstiti di Rosalia che van Dyck creò nella sua permanenza a Palermo. Sicuramente, avrebbe potuto fare affidamento ai suoi legami reali per sfuggire alla peste e tornare a casa, ma trovò nella pestilenza un argomento più urgente dei ritratti cortesi che alla fine avrebbero dato lustro alla proprio arte. Questo dipinto fu una delle prime acquisizioni del Met, subito dopo un anno dalla fondazione del museo nel 1870. Avrà un’importanza ancora maggiore dopo che l’attuale epidemia si sarà risolta e le persone potranno ancora una volta apprezzare l’arte insieme.

Santa Rosalia è la patrona di Palermo, e il Festino di Santa Rosalia, che si svolge ogni anno a luglio, è uno dei più grandi festival in Italia. È un misto di sacro e profano, di concerti rock e preghiera. Speriamo che i Palermitani possano festeggiare con gioia anche quest’anno.

This entry was posted in Abitudini, Arte, Foto, Genova, Italia, Italiano, Medicina, New York, Sicilia, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.