Thomas Becket ed oggi

“Nessuno mi sbarazzerà di questo prete turbolento?” Questa è una delle citazioni più famose che ci è pervenuta attraverso la tradizione orale. Oggi è spesso adattata nella moderna vita politica e nella lotta politica. Sebbene apocrifa, è originariamente attribuita al re Enrico II nel suo conflitto con l’arcivescovo di Canterbury che alla fine portò all’omicidio del prelato.

Ecco la storia e la cronologia. Nel 1162, il re Enrico II nominò il suo amico Thomas Becket arcivescovo di Canterbury supponendo che sarebbe stato ragionevole nelle battaglie in corso del re con la Chiesa Cattolica. Ma Becket trovò la sua vocazione ecclesiastica e si schierò contro gli interessi del re, che includevano il tentativo di stabilire la giurisdizione dei tribunali secolari sul clero. Il conflitto si intensificò e Becket scomunicò il clero che si opponeva a lui. Frustrato, il re pronunciò le parole apocrife che portarono quattro dei suoi cavalieri ad accoltellare a morte l’arcivescovo nella cattedrale di Canterbury nel 1170.

Il delitto scosse l’Europa Cattolica del tempo.  Papa Alessandro III proclamò Becket santo nel 1173, e la cattedrale di Canterbury, con il suo santuario al martire, divenne meta di pellegrinaggi.  Alla fine del ‘400 il re inglese Enrico VII donò al Vaticano la tunica insanguinata dell’arcivescovo, con l’obiettivo di ingraziarsi l’allora pontefice affinché canonizzasse Enrico VI.  Ma poi Enrico VIII nel 1532 proclamò lo scisma da Roma.  Il santuario di Becket a Canterbury venne distrutto e le ossa del santo disperse.  La tunica rimase per secoli a Roma, fino ad oggi, nella Basilica di Santa Maria Maggiore.

Oggi la Chiesa d’Inghilterra chiede in prestito a Roma la tunica sanguinante in preparazione per l’850esimo anniversario dell’uccisione dell’arcivescovo. Una serie di celebrazioni è prevista per il 2020, tra cui una grande messa interconfessionale fra gli anglicani e cattolici e una mostra di oggetti e reliquie appartenuti a Becket.  Un giornale britannico ha riferito che la Basilica è in favore di prestare la reliquia all’Inghilterra, ma l’approvazione finale deve venire dal Ministro della Cultura del Vaticano.

La storia del re Enrico II e Thomas Becket è stata fonte di ispirazione artistica e letteraria che inizia nel 1392 con “Canterbury Tales” di Geoffrey Chaucer, una raccolta di 24 storie sui pellegrini che viaggiarono da Southwark al santuario di Thomas Becket nella Cattedrale di Canterbury.  Nel 1884 il poeta inglese, Alfred, Lord Tennyson, scrisse l’opera teatrale, Becket,sulla famosa relazione.  L’opera di Jean Anouilh, Becket,fu scritto nel 1959.  Altri adattamenti moderni includono il film del 1964 con Richard Burton e Peter O’Toole, e il romanzo di Ken Follett, The Pillars of the Earth.

Molte interpretazioni includono la supposta richiesta retorica del re Enrico II. Uno che non era il dramma in versi di T.S. Eliot, Murder in the Cathedral, eseguito per la prima volta nel 1935. Si tratta dell’’opposizione di un individuo all’autorità, lo spettacolo è stato scritto al tempo del fascismo in aumento in Europa centrale. Eliot attinse pesantemente dalla scrittura di Edward Grim in latino, un biografo che fu testimone oculare dell’evento nel 1170. Secondo Grim, scrivendo in latino, le parole del re erano “quali miserabili droni e traditori ho nutrito e allevato nella mia famiglia chi lascia che il loro signore sia trattato con un tale disprezzo da parte di un chierico di basso livello? ” Anche se questa citazione non ha lo spirito di quella tramandata dalla tradizione orale, quello che rimane oggi come spunto di riflessione è come le parole senza pensieri dei potenti possano armare la mano dei fanatici.

This entry was posted in Arte, Film, Foto, Italia, Italiano, Libri, Politica, Roma, Storia, Vaticano. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.