Salvatore Ferragamo: “Calzolaio delle stelle”

Quando Salvatore Ferragamo morì nel 1960, molte persone temevano che il suo immensoil museo impero artistico sarebbe caduta a pezzi tra le dispute familiari e la mancanza di imprenditorialità continua.  Invece, il nome e il patrimonio sono sopravvissuti.  Ma fu Salvatore che fondò l’impero scarpa e servì il mondo dell’élite della moda.

Salvatore nacque nel 1898 a Bonito, un paese piccolo nella provincia di Avellino nella regione italiana della Campania.  Fu l’undicesimo di 14 figli.  La sua passione cominciò quando fece il suo primo paio di scarpe, all’età di 9 anni per le sue sorelle da indossare durante la loro cresima.  La sua famiglia si oppose alla sua professione, che era considerata una delle più umili nel sud Italia al momento.  Ma Salvatore, che abbandonò la scuola in terza elementare, fu preso come apprendista da un famoso calzolaio di Napoli.  Un anno dopo tornò a Bonito per aprire un piccolo negozio.

All’età di 16 anni, Salvatore emigrò a Boston per unirsi a un fratello che lavorava in una fabbrica di stivale da cowboy.  Poco dopo, si trasferì di nuovo per unirsi ad altri fratelli a Santa Barbara in California.  I fratelli aprirono un negozio di riparazione di scarpe, che ebbe molto successo in una città con uno dei primi studi cinematografici.  Salvatore lasciò il negozio per trasferirsi a Hollywood per sequire la sua nuova vocazione—la progettazione di calzature per i film.

Salvatore progettò stivali da cowboy e sandali romani e egiziani, che affascinarono gli Salvatore e Sofiaattori tanto che cominciarono ordinarli per l’uso quotidiano.  I fit toosuoi clienti in quel momento inclusero Rudolph Valentino, Gloria Swanson, e Joan Crawford,  Ferragamo si concentrò non solo sullo stile ma anche sulla forma e sul taglio; fece corsi di anatomia presso l’Università della California del Sud.

bizarroAbbastanza presto non era in grado di tenere il passo con gli shoe formsordini per scarpe fatte a mano, soprattutto nel mondo cinematografico.  Iniziò a cercare calzolai competenti in tutta l’America, ma non trovò nessun artigiano che era in grado di vivere all’altezza delle sue aspettative.  Rifiutò di subire l’industrializzazione (una catena di montaggio della calzatura) e tornò in Italia.  Trovò artigiani adatti a Firenze e fondò una ditta con 60 lavoratori.

Sia la depressione sia la seconda guerra mondiale danneggiarono gli affari di Ferragamo, ma rimbalzò di nuovo entrambe le volte.  Quando il metallo era scarso, progettò la zeppa, il tacco a gabbia, e la scarpa piattaforma utilizzando lastre di sughero.  I suoi clienti crebbero per includere Eva Peron, Marilyn Monroe, Judy Garland, Greta Garbo, Anna Magnani, e Audrey Hepburn.  Ebbe una varietà infinita di stili eleganti, frivoli, bizzari, ed esclusivi.   Vinse un Oscar per la moda nel 1947 – il primo assegnato ad un calzolaio.

Dopo la morte di Ferragamo, all’età di 62 anni, la moglie e i figli presero il suo posto di attività di Palazzo Spini Feroni di Via Mannelli a Firenze. L’impero si espanse per includere altri prodotti come borse, profumi, e accessori in seta.  Il Palazzo non è solo la sede mondiale della società, ma anche il sito di un museo dedicato alla vita e alle opere di Salvatore Ferragamo, che fu aperto nel 1995.un'altra

wedge

sandal

kinda cute

 

Advertisements
This entry was posted in Arte, California, Campania, Firenze, Foto, Italia, Italiano, Santa Barbara, Storia. Bookmark the permalink.

One Response to Salvatore Ferragamo: “Calzolaio delle stelle”

  1. Niccolò Ronchi says:

    Ciao Babara !
    Sono Niccolò Ronchi e ci siamo conosciuti a casa tua ad una cena bellissima con Jacopo Giacopuzzi qualche giorno fa !
    Congratulazioni: il tuo blog è interessantissimo !
    Avanti così 😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s