Ancora sulla Vittoria Alata della Brescia

Una delle sculture più celebri al mondo è la Vittoria Alata di Samotracia (chiamata anche Nike di Samotracia), una scultura in marmo di età ellenistica del II secolo a.C. oggi in mostra su un piedistallo in cima a una scala al Louvre. C’è un’altra Vittoria Alata, del I secolo d.C., che ha anche raccolto lodi e attenzioni in tutto il mondo… un bronzo romano che oggi si trova in un parco archeologico nella città di Brescia in Lombardia. Come spesso accade con le statue romane, esse nascevano come copie o ispirazione di originali statue greche.

, Il tempio principale di Brixia (come era chiamata Brescia nel I secolo d.C.), dedicato a Giove, Giunone e Minerva, Fu scoperto durante gli scavi del Capitolium. Gli scavi iniziarono nel 1822 e nel luglio 1826 fu fatta una scoperta sorprendente: un grande ammasso di oggetti in bronzo fu trovato nascosto tra due pareti del tempio, tra cui statue equestri, il braccio di un uomo e la Vittoria e le sue braccia e ali. Erano molto probabilmente le decorazioni in bronzo del tempio; la Vittoria Alata probabilmente sormontava il frontone, forse per commemorare i successi dell’imperatore romano Vespasiano, che regnò dal 69 al 79 d.C. Insieme ai ritratti in bronzo dorato di altri imperatori romani, il deposito segreto fu intenzionalmente nascosto, probabilmente alla fine del IV secolo, quando il cristianesimo divenne religione ufficiale dell’impero e i simboli pagani distrutti o fusi, nel caso di manufatti in bronzo. Pertanto, la Vittoria Alata nascosta è una delle poche statue di bronzo romane sopravvissute in gran parte intatte.

Data l’importanza della scoperta, il primo museo civico di Brescia aperto nel 1830 sorge nelle ricostruite rovine del tempio. La mostra più importante è stata la Vittoria Alata, ora con le braccia e le ali ricongiunte. Brescia divenne presto una calamita per i visitatori italiani e stranieri. L’imperatore Napoleone III vide la Vittoria Alata nel 1859 e rimase così colpito dall’eleganza della statua che ne chiese una copia, che ora è esposta al Louvre. Un’altra versione ha anche abbellito la villa costruita per il magnate William Randolph Hearst a San Simeon, in California. Poeti e autori, tra cui Giosuè Carducci, Michele D’Annunzio e Henry James, resero omaggio alla sua bellezza. 

La Vittoria Alata è alta quasi 2 metri rispetto a Samotracia, che è 2,44 metri o 2,75 metri con le ali. Il bronzo di Brescia fu fuso con la tecnica della cera persa, in cui il metallo fuso viene colato in uno stampo ricavato da un modello in cera fusa. Almeno 30 parti furono fuse separatamente e successivamente saldate insieme probabilmente da esperti bronzisti del nord Italia. Le rifiniture furono accuratamente eseguite con strumenti appuntiti e attraverso la tecnica della damascena, una tecnica di intarsio, l’argento fu intrecciato nei suoi capelli. Decorazioni in argento e rame adornavano il suo diadema. Attraverso il restauro, sono state recuperate ulteriori tracce di doratura sulle braccia e sulle mani. Componenti mancanti sono un elmo, probabilmente presente sotto il piede sinistro, e uno scudo, che avrebbe portato il nome del vincitore, alzato verso lo sguardo degli spettatori.

Ora, 2000 anni dopo, la dea Vittoria, la personificazione della Vittoria, è arrivata a rappresentare la resilienza e la vitalità duratura di Brescia, dopo che la città è stata fortemente colpitac dal coronavirus durante i primi giorni della pandemia del 2020.

This entry was posted in Arte, Foto, Italia, Italiano, Lombardia, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.