Convivenza: Orsi e Umani

Per secoli, la convivenza fra orsi e esseri umani è stata la normale condizione di vita nelle Alpi. Nel corso dell’ultimo secolo, tuttavia, poiché i paesaggi alpini hanno subito cambiamenti radicali, l’habitat degli orsi si fu notevolmente ridotto. Alla fine degli anni ’30 la maggior parte delle colonie di orsi si è estinta. Dalla metà del XX secolo, quando il movimento per la conservazione dell’ambiente ha preso avvio, si sono sviluppati piani per le riserve naturali nelle Alpi del Trentino, nel nord Italia. Ma questi sforzi hanno ottenuto risultati positivi solo quando, verso la fine degli anni ’90, sono stati introdotti nuovi orsi nell’area, grazie a programmi faunistici finanziati sia dall’Italia, che dall’Unione Europea.

Ora, con circa 80 orsi nella zona, inevitabilmente ci sono stati alcuni sfortunati incontri uomo-orso. E questo sembrano sempre finire sui titoli dei giornali. Di regola, gli orsi attaccano raramente gli umani; infatti, di solito evitano le persone. Sebbene generalmente abbiano un temperamento calmo, possono essere imprevedibili e possono attaccare se sorpresi o minacciati.

Nell’agosto 2017, le guardie forestali hanno sparato e ucciso Kj2, un’orsa di 14 anni dopo che, secondo quanto segnalato, aveva sbranato un uomo anziano, che portava a spasso il suo cane. Eppure alcuni resoconti dicono che Kj2 potrebbe aver avuto con sé due o tre cuccioli; quindi avrebbe agito per legittima difesa, spaventata da un umano provvisto di bastone e di cane. Se è così, la risposta dell’orso sarebbe stata naturale e l’uccisione è stata solo che estrema. Kj2 non poteva essere trasferiti in un altro posto con i suoi cuccioli?


Nel giugno 2020 il governatore del Trentino, Maurizio Fugatti, ha firmato un’ordinanza per l’eutanasia di un orso che ha sbranato due uomini, che camminavano su un sentiero alpino. Il piano nazionale in Italia prevede che quando un essere umano viene attaccato da un animale, l’animale deve essere soppresso. La logica è che ciò potrebbe accadere di nuovo, sebbene non ci siano prove che gli orsi attacchino serialmente. I gruppi per i diritti degli animali affermano che determinare le circostanze che circondano l’aggressione è fondamentale, perché gli orsi non dovrebbero morire a causa di errori umani. Per identificare gli orsi, i ricercatori usano la saliva e i peli sui vestiti degli uomini per estrarne il DNA. Poi cercano i dati risultanti in un database, costruito durante cinque anni per monitorare la popolazione di orsi, che riporta le seguenti informazioni: il rapporto tra maschi e femmine, il tasso di fertilità e gli spostamenti. Il database può essere utilizzato anche se un orso viene cacciato in camicia o avvelenato o, se ferisce un essere umano.


La storia che ha più catturato l’attenzione negli ultimi mesi del 2020 appartiene a M49, l’orso soprannominato “Papillon”, in onore del detenuto fuggito dall’Isola del Diavolo. L’orso più ricercato delle Alpi, “Papillon” non ha mai attaccato l’uomo, ma ha decimato bestiame come mucche, pecore e asini. Per un periodo di 14 mesi è stato rinchiuso in una gabbia elettrificata, ma poi è riuscito a scappare di nuovo. Nonostante sia stato ben nutrito, nemmeno 7.000 volt hanno potuto scoraggiare l’istinto di libertà di questo orso.

Il governo deve essere in grado di salvaguardare la sicurezza personale ed economica delle comunità locali, ma deve anche saper difendere il diritto di spostarsi nel proprio territorio naturale da parte di questi animali. È un equilibrio molto complicato. Le azioni preventive per ridurre al minimo l’interazione uomo-orso includono: piantare alberi più in alto sulle colline, garantire un approvvigionamento alimentare adeguato lontano dagli insediamenti umani e erigere recinti elettrici attorno alle fattorie e agli orti. L’educazione umana continua è essenziale. Gli esseri umani hanno bisogno di capire chiaramente cosa possono e dovrebbero fare nelle aree frequentate dagli orsi. Non dovrebbero avvicinarsi o minacciare gli orsi con bastoni o mazze. Non dovrebbero permettere ai loro cani di essere senza guinzaglio. I costi e i rischi della convivenza devono essere equamente distribuiti tra tutti coloro ne sono coinvolti: cittadini, turisti, pastori, governo e gli orsi stessi. Le Alpi meritano i propri orsi e gli orsi meritano le proprie Alpi.

This entry was posted in Alpe, Animali, educazione, Foto, Italia, Italiano, Uncategorized. Bookmark the permalink.

1 Response to Convivenza: Orsi e Umani

  1. JEAN PERLOFF says:

    Abbiamo un orso a Montecito adesso. Si chiama “Carlos”. Non l’ho visto e veramente non voglio incontrarlo nei sentieri che seguo.. Ma sono felice che puo continuare ad esistere fra noi. Jean P.

    Sent from my iPhone

    >

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.