Luciano Pavarotti

Luciano Pavarotti è stato probabilmente il più grande tenore del XX secolo. È stato anche uno dei tenori di maggior successo commerciale di tutti i tempi, in parte perché ha vinto la fama di crossover come superstar popolare. “Vorrei essere ricordato come l’uomo che ha portato la lirica alle masse”, spesso diceva, e così ha fatto.

Dopo la sua morte nel 2007, diversi eventi hanno onorato la sua eredità. Nel 2015, sua moglie Nicoletta Mantovani ha aperto la Casa-Museo Luciano Pavarotti a Modena, che presenta fotografie, costumi, premi, dipinti e registrazioni nella loro ex grande e colorata casa. Nel 2017, nel decimo anniversario della sua scomparsa, si è tenuta una serata costellata di spettacoli all’Arena di Verona, un anfiteatro romano del I secolo d.C. che, con la sua capacità di ben 30.000 spettatori, è il più grande teatro d’opera all’aperto del mondo.

Poi nel 2019 è stato uscito “Pavarotti”, il documentario di Ron Howard. Presenta interviste con familiari, artisti d’opera, manager e promotori che parlano tutti in modo brillante del tenore. È prodotto, tra gli altri, da un rappresentante della Decca Records, la casa discografica di Pavarotti, e presumibilmente ha anche la benedizione della famiglia. Quindi, il film è un tributo al genio di Pavarotti che sottolinea solo alcuni dei difetti dell’artista.

Secondo me, il documentario è riuscito molto bene per due motivi. Innanzitutto, documenta il percorso della carriera di Pavarotti, che ha iniziato in Italia nel 1961, continuando poi con il debutto americano nel 1965 a Miami con la Lucia di Lammermoor di Donizetti e poco dopo il suo debutto alla Scala con La bohème di Puccini. Il suo ruolo nel 1966 ne La fille du regiment di Donizetti alla Royal Opera House, Covent Garden, gli è valso il titolo di “King of High Cs”. Ma è stata questa opera al Metropolitan Opera di New York nel 1972 che ha fatto impazzire la folla con ben 17 chiamate ovazioni al sipario.

Pavarotti divenne ancora più noto per la sua interpretazione dell’aria, “Nessun dorma” della Turandot di Puccini, che divenne la colonna sonora della sigla di apertura della BBC per la Coppa del Mondo FIFA nel 1990 in Italia (e alla fine la sua canzone simbolo). Poi è arrivato il primo concerto dei Tre Tenori, tenutosi alla vigilia della finale della Coppa del Mondo FIFA del 1990 presso le antiche Terme di Caracalla a Roma, con i compagni tenori Plácido Domingo e José Carreras e il direttore Zubin Mehta. Ha affascinato un pubblico globale e la registrazione è diventata il disco classico più venduto di tutti i tempi. Sono poi seguiti molti concerti di Three Tenori.

L’altro aspetto del documentario che mi è piaciuto molto è stato il ritratto della personalità vincente dell’artista. Era quasi infantile, con un sorriso smagliante, battute spiritose ricongiunti e buon umore che potevano incantare i pantaloni di quasi tutti (beh, questa è un’altra storia).  Vieni quasi rapito dal suo sorriso gigante e gli occhi scintillanti.

Ho pensato che il documentario fosse deludente per almeno due aspetti. Come molti talenti convincenti, Pavarotti ha avuto molti difetti, che il documentario affronta a malapena. Spesso aveva difficoltà a ricordare le sue battute. Verso la fine della sua carriera, divenne esigente e imprevedibile.  Saltava le prove e cancellava le apparizioni. Diversi teatri d’opera, tra cui Covent Garden a Londra e la Lyric Opera di Chicago, lo consideravano persona non grata, visto che aveva dovuto annullare 26 delle sue ultime 41 apparizioni in programma. Il documentario accenna solo alle cancellazioni dovute alla salute di una delle sue figlie. Ma è importante bilanciare questi difetti con la sua enorme generosità di spirito e i suoi innumerevoli concerti eseguiti per beneficenza.

Ciò che manca davvero al documentario è la comprensione della sua incredibile voce, uno strumento ricco e bello che non ha eguali oggi. Presumibilmente non poteva leggere la musica, il che rende il suo talento ancora più avvincente. Pavarotti attribuisce a Joan Sutherland l’apprendimento della respirazione. Le esigenze atletiche dell’opera? Senza microfono, proiettava la sua voce sopra un’orchestra completa, per essere chiaramente sentito fin nei palchi superiori di un teatro d’opera da 4.000 posti, e fece ciò per più di tre decenni. Con tutti i suoi successi, era davvero una superstar.

 

 

This entry was posted in Arte, Film, Foto, Italia, Italiano, Milano, Musica, New York, Storia, Verona. Bookmark the permalink.

1 Response to Luciano Pavarotti

  1. Jean says:

    Molto interessante e ben scritto! Jean

    Sent from my iPad

    >

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.