Koko

Koko è morta nel giugno 2018.  Mi rende molto triste perché ho seguito “la carriera” del gorilla e la sua addestratrice Penny Patterson.  Sono sempre stata affascinata dal legame tra animali e umani e dai linguaggi.  Koko era speciale perché le era stato insegnato il linguaggio dei segni per comunicare con gli umani.

È nata il 4 luglio 1971 allo zoo di San Francisco. A circa 1 anno ha iniziato a imparare il linguaggio dei segni da Patterson (per la sua tesi di dottorato) prima allo zoo e poi alla Gorilla Foundation a Woodside, vicino all’Università di Stanford.  Koko capiva 2.000 parole inglesi e aveva un quoziente intellettivo di 75-95 punti (l’IQ medio per gli umani è di 100 punti).

Ecco uno delle mie storie preferite di Koko.   A lei piacevano i gattini.  I suoi libri illustrati preferiti erano “The Three Little Kittens” e “Puss ‘n’ Boots”.  Quindi, forse all’età di dodici anni, Koko ha chiesto un gattino come regalo di Natale.  I ricercatori le hanno dato un animale di pezza.  Koko era molto turbata e si è rifiutata di giocarci.  Ha detto a gesti ripetutamente che era “triste.”  Quindi per il suo compleanno, le è stato permesso di scegliere un gattino da una cucciolata.  Ha chiamata il suo gattino grigio e bianco Manx “All Ball”.  A Koko è piaciuto rimare nella lingua dei segni.

All Ball non aveva paura del gorilla, che pesava 230 libbre.  Loro giocavano a caccia l’uno con l’altro, e Koko lo teneva e lo accarezzava.  Quando All Ball si stancava di essere accudito, mordeva Koko e scappava.   Koko diceva in segni, “Insopportabile. Gatto”. Ma Koko si è anche presa cura il gattino ed è stata molto gentile e amorevole.  In questo caso, diceva nella lingua dei segni, “Morbido. Buono, Gatto”.

Quando All Ball è stato colpito da una macchina ed è morto, i ricercatori lo hanno detto a Koko.  All’inizio lei si è comportata come se non li avesse sentito.  Poi ha iniziato a piagnucolare—un urlo distinto che fanno i gorilla nel lutto.  Tutti piangevano insieme. Poi, Koko ha detto, “Sonno. Gatto”.

Ci sono molti scettici che pensano che Koko semplicemente abbia imitato il comportamento umano.  Ma come spiega il fatto che Koko ha inventato nuovi segni per comunicare nuove parole? Un esempio è il concetto di un “anello”, che nessuno gli aveva trasmesso.  Koko ha fuso l’idea del dito con quella del braccialetto, arrivando al “braccialetto per dito.”

Ho un’altra storia, e giuro che è vera.  Un amico mi ha introdotto ad un altro amico che è un professore a Stanford.  Un Halloween è suonata il campanello, e suo figlio ha risposto.  Ha urlato a suo padre, “il gorilla è qui”.  Il padre ha detto, “dagli delle caramelle”.  Il figlio ha protestato che non era un costume da gorilla.  Il padre è venuto al portone e ha visto Penny e Koko. Penny ha chiesto se Koko poteva usare il loro bagno.  Quando il padre ha detto di sì, lei è andata in bagno.  Non ha chiuso la porta.

 

Advertisements
This entry was posted in Animali, California, Foto, Italiano, La Lingua. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.