Cani con uno straordinario senso di orientamento

Eclisse viaggia da solo in autobus a Seattle nello stato di Washington. È una razza mista di Labrador retriever nero il cui proprietario ha portata molte volte in centro in un parco per cani. Ma quando un giorno il proprietario si è distratta alla fermata dell’autobus, Eclisse è salita sull’autobus da sola. Sapeva esattamente a quale fermata scendere. Ora la sua imbracatura rossa è dotata di un abbonamento per l’autobus. Viene accolta sull’autobus da tifosi adoranti e trascorre diverse ore al parco facendo esercizio e facendo amicizia. Quando è ora di partire, prende l’autobus per casa… da sola.

Boji è il cane pendolare di Istanbul. Questo pastore anatolico di razza mista con pelliccia marrone dorata e orecchie flosce viaggia su traghetti, autobus e treni e ha conquistato il cuore dei cittadini. Poiché non ha un proprietario, i funzionari della città hanno fatto in modo che fosse vaccinato e dotato di un microchip per monitorare i suoi viaggi. Boji è stato in 29 stazioni della metropolitana in un giorno, viaggiando fino a 30 chilometri.

Poi c’è Sandro che meglio di chiunque altro sa destreggiarsi nel dedalo di vicoli e calli, oltre che di gondole e vaporetti, di Venezia. Un cane di razza mista nera con accenti marroni bruniti, Sandro è alto appena un piede e pesa meno di 12 libbre. Ogni mattina Sandro accompagna il suo proprietario Nicola Grossi, un gondoliere veneziano, a lavorare vicino a Rialto.

La loro vita insieme non è iniziata in questo modo. Quando viveva al Lido, Nicola ha salvato Sandro da una vita di abbandono; inizialmente Sandro era diffidente e scortese. Ma presto ha seguito Nicola in bicicletta che andava ogni mattina al lavoro in un negozio. Lo ha poi incontrato alla fine della giornata lavorativa. Nel frattempo, esplorava l’isola lunga di 15 km e sembrava conoscere ogni angolo. Quando Nicola si è trasferito a Venezia vera e propria, Sandro lo accompagnava ovunque…prima a piedi, poi nella sua piccola barca a motore e in gondola. Essendo il più giovane di 8 figli, Nicola ha fatto molte visite alla sua famiglia con Sandro al suo fianco, inclusa sua madre nell’isola della Giudecca.

Man mano che le conoscenze cartografiche di Sandro aumentavano, spesso lasciava la gondola per inseguire le proprie avventure. Poi arrivavano le telefonate con gli avvistamenti di Sandro. (Il numero di telefono di Nicola era scritto sull’etichetta del collare di Sandro.) “Ho visto il tuo cane in Campo Santo Stefano” oppure “Ho visto il tuo cane a San Polo”. I membri dell’equipaggio del vaporetto chiamavano Nicola, pensando che il cane si fosse perso. Nicola doveva rassicurarli tutti che Sandro sapeva esattamente dove stava andando. Una delle mete preferite era la casa della madre di Nicola alla Giudecca dove avrebbe pranzato prima di partire per un’altra gita.

Sandro ha anche capito il sistema delle gondole: ogni gondola che parte da una determinata stazione segue un percorso prestabilito. Nicola ha sempre ruotato da un giorno all’altro tra le varie stazioni, il che significava che Sandro doveva anche imparare vari percorsi. E ha dovuto impararli non solo quelli dell’acqua, ma anche lo stesso percorso per terra attraverso le strade labirintiche della città. Verso la fine della giornata, Nicola trovava Sandro ad aspettarlo pronto a raggiungerlo nella gondola.

Nel corso degli anni Sandro ha sviluppato la cataratta e ha dovuto stare più vicino a Nicola durante i giorni. Poi alla fine del 2019, poco prima del suo 19esimo compleanno, Sandro è morto. Ha portato con sé una complessa mappa interna di Venezia… per terra e per mare.

This entry was posted in Animali, Foto, Italia, Italiano, Venezia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.