Salvator Mundi: una saga ancora in corso

Di dubbia attribuzione, il Salvator Mundi è stato commercializzato come un dipinto di Leonardo da Vinci e venduto da Christie’s alla fine del 2017 per la cifra record di $450 milioni (386 milioni di euro). Al momento del mio post all’inizio del 2018, intitolato”I dipinti di Leonardo: Cosa c’è in un prezzo?”, l’acquirente era sconosciuto. Per documentare i molti strati del mistero che circondano il dipinto ci sono diverse opere: un libro di Ben Lewis intitolato TheLast Leonardo, due documentari, The Lost Leonardo e Savior for Sale, e innumerevoli articoli. La saga continua senza intravedere una fine.

Tutto è iniziata in un’oscura casa d’aste di New Orleans nel 2005, quando due mercanti d’arte di New York hanno acquistato il dipinto per $1.175 (1.010 euro). Lo hanno portato a Dianne Modestini, una restauratrice d’arte molto rispettata, che ha lavorato al dipinto per anni, rimuovendo secoli di sporcizia e ridipinture. Sospettava che il dipinto potesse essere un Da Vinci. (In seguito, altri sospettarono che l’avesse “ristrutturato eccessivamente”.)

Una svolta è arrivata nel 2011 quando la National Gallery di Londra ha esposto il dipinto come un autentico Leonardo. Molti esperti hanno criticato la decisione del curatore del museo; tuttavia, la mostra ha contribuito in modo significativo a legittimare un’attribuzione traballante. Due anni dopo, Yves Bouvier, un mercante d’arte svizzero, ha acquistato il dipinto dai mercanti di New York per $83 milioni (71 milioni di euro), presumibilmente per conto di un oligarca russo di nome Dmitry Rybolovlev. Due giorni dopo l’ha venduto a Rybolovlev per $127,5 milioni (110 milioni di euro). Le controversie e le indagini sulla frode sono seguite ma non sono state risolte. 

Altra svolta: da Christie’s, a New York. Il video di marketing non mostrava il dipinto, ma piuttosto i volti sbalorditi degli osservatori come se stessero osservando Cristo stesso. La vendita di Christie’s è stata anche un dramma altamente messo in scena che si è concluso con un acquirente anonimo. Successivamente è stato rivelato che il dipinto è stato acquistato per conto del principe ereditario Mohammed bin Salman dell’Arabia Saudita, lo stesso bin Salman ritenuto responsabile dalla CIA (Central Intelligence Agency) dell’ordine dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi. (È ironico che per molti nel mondo musulmano sia un insulto possedere o mostrare un’immagine di Allah o del profeta Maometto, tanto meno un’immagine di una religione concorrente.)

Altra tappa: a Parigi. Il Louvre ha voluto includere il Salvator Mundi nella sua mostra del 500° anniversario di Leonardo nel 2019. Uno spazio vuoto su una parete del museo attendeva il dipinto che non è mai arrivato. Il Louvre non avrebbe acconsentito alla richiesta di bin Salman che il suo dipinto fosse esposto nella stessa stanza della Gioconda, il che avrebbe suggerito lo stesso status. In secondo luogo, bin Salman avrebbe approvato il prestito al Louvre solo se il dipinto fosse stato etichettato come un autentico Leonardo. Un misterioso opuscolo, preparato dal Louvre per la pubblicazione, ma mai pubblicato, presumibilmente affermava che il pezzo era autentico.  Ma i funzionari del governo francese che conoscevano gli studi del dipinto del Louvre hanno concluso che Leonardo aveva solo contribuito al dipinto.


Dov’è il Salvator Mundi oggi? Nessuno lo sa. È nascosto in Medio Oriente per diventare il fulcro di un nuovo museo d’arte?  È nascosto in un armadietto esentasse in un aeroporto in Svizzera?  Galleggia sullo yacht da mezzo miliardo di dollari del principe che naviga in giro il mondo?

Film, libri, cultura pop e podcast oggi sembrano affascinati dai crimini d’arte. È perché è uno sguardo all’interno del raffinato mondo dell’arte che, in realtà, è troppo spesso pieno di scandali con miliardari che si defraudano a vicenda? È perché ci sono così tante piattaforme per le informazioni che chiunque può essere un investigatore che cerca di risolvere furti e falsificazioni? È perché, nel caso del Salvator Mundi, tutti lungo la catena, dai commercianti agli storici dell’arte e ai musei, dai compratori alle case d’asta, sono stati travolti dall’avidità in un dramma internazionale? Finché il Salvator Mundi sarà nascosto alla vista, il dipinto sarà avvolto nel mistero. E anche se viene mostrato, a meno di una svolta scientifica nell’assegnazione dell’attribuzione, la domanda rimane: è un vero Leonardo?

This entry was posted in Arte, Film, Foto, Italiano, New York, Storia, Uncategorized. Bookmark the permalink.

1 Response to Salvator Mundi: una saga ancora in corso

  1. kathiscarminach says:

    Che brava spiegazione!!! Capisco bene e meglio che prima ho letto il tuo bollettino. Grazie cara.

    xx Kathi

    Sent from my iPhone

    >

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.