Spoliazioni napoleoniche: Parte II

A Venezia nel 1562 i monaci di San Giorgio Maggiore commissionarono a Paolo Veronese un monumentale dipinto per decorare la parete di fondo del nuovo refettorio del monastero, su progetto dell’architetto Andrea Palladio. Terminato un anno dopo, Le Nozze di Cana, raffigura la storia biblica delle Nozze di Cana, durante le quali Gesù converte l’acqua in vino. Eseguito nello stile manierista del tardo Rinascimento, il dipinto mostra le sontuose feste di cibo e musica che erano caratteristiche della società veneziana del XVI secolo. L’affollata scena del banchetto è incorniciata da architetture greche e romane dell’antichità classica e del Rinascimento. Secondo la tradizione artistica dell’epoca, Veronese si inserì nella scena del banchetto, come musicista in tunica bianca. Tra gli altri musicisti, nel dipinto, ci sono i pittori Tintoretto che suona una viola a braccio e Tiziano, vestito di rosso, che suona il violone.

Dipinto in situ, Le Nozze di Cana è un’opera monumentale che misura 6,77 metri per 9,94 metri. È pensato per essere visto dal basso, perché il bordo inferiore del dipinto era a 2,50 metri dal pavimento del refettorio, dietro e sopra il capotavola dell’abate del monastero. Il dipinto riempì l’enorme muro fino a quando Napoleone trasformò il monastero nella sua sede veneziana nel 1797. Voleva che il dipinto fosse trasferito a Parigi. Il capo restauratore di Venezia avvertì che il dipinto era troppo grande e troppo fragile per essere spostato. Pesava 1,5 tonnellate. Ma non riuscirono a dissuadere gli uomini di Napoleone. L’opera d’arte fu sfacciatamente rimossa, avvolta in dipinti di Tintoretto, Tiziano e Veronese e fu spedita.

All’arrivo a Parigi, i restauratori francesi tagliarono il dipinto in due per rifoderarlo e poi lo ricucirono insieme prima di essere appeso nella grande sala ristrutturata del Louvre. Quando Napoleone decise di utilizzare quella sala per il suo matrimonio con Maria Luisa d’Austria nel 1810, il dipinto interferì con i suoi piani e ne ordinò la distruzione: “Dal momento che non può essere spostato, bruciatelo”. I curatori dell’epoca ignorarono il suo comando. 

Dopo l’abdicazione di Napoleone, i proprietari di opere d’arte rubate tentarono di riprendersi le loro proprietà. Papa Pio VII incaricò lo scultore neoclassico Antonio Canova di negoziare il rimpatrio delle opere d’arte depredate dallo Stato Pontificio. Anche se alcune opere furono restituite, i francesi erano riluttanti a rinunciare ai loro trofei. Affermarono che Le nozze di Cana erano troppo grandi e fragili per essere spostate. Tuttavia, fu successivamente conservato in un contenitore  in Bretagna durante la guerra franco-prussiana (1870-1871) e fu arrotolato per lo stoccaggio durante la seconda guerra mondiale, spostato continuamente in nascondigli in tutto il sud della Francia per evitare il saccheggio nazista.

Che si sia d’accordo o meno con uno studioso che ha definito il saccheggio di Napoleone “un crimine contro l’umanità”, il suo sfacciato sequestro di opere d’arte da altre terre ha certamente minato gli alti ideali civici del Louvre. Oggi Le Nozze di Cana è il quadro più grande della collezione di dipinti del Louvre e condivide la stessa galleria della Gioconda (che Da Vinci aveva venduto al re di Francia). Nel 2007, in occasione del 210º anniversario del saccheggio, nel refettorio del Monastero di San Giorgio Maggiore, a Venezia, è stato appeso un facsimile digitale delle Nozze di Cana, generato al computer. Si tratta di un misura standard (67,29 metri quadrati), un facsimile digitale composto da 1.591 file grafici.

This entry was posted in Architecture, Arte, Foto, Italia, Italiano, Storia, Vaticano, Venezia. Bookmark the permalink.

1 Response to Spoliazioni napoleoniche: Parte II

  1. Jean Perloff says:

    Napoleone ed i nazisti furono bravissimi nel furto di belle opere d’arte.Jean P.

    Sent from the all new AOL app for iOS

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.