Ricchezze a Ricchezze: Fiorentini ricchi hanno antenati ricchi

“Ricchezze agli stracci in tre generazioni” è un’espressione inglese, che significa che la prima generazione crea il benessere, la seconda lo mantiene, e la terza lo sperpera.  Ma questo non sembra essere il casofirenze a Firenze, secondo uno studio che è stato condotto da due economisti, Guglielmo Barone e Sauro Mocetti, della Banca d’Italia ed è sono riportato nel Wall Street Journal (e altre pubblicazioni).  Le famiglie più ricche di Firenze oggi discendono dalle famiglie più ricche di quasi 600 anni fa.

Nello studio, i ricercatori incrociano i registri sui contribuenti di Firenze nel 1427 – con dati sui cognomi, la professione, il reddito e la ricchezza – con quelli del 2011. Perché i cognomi italiani sono molto regionali e distintivi, hanno potuto confrontare i dati delle famiglie di oggi a quelli con lo stesso cognome nel 1427.  Anche se non tutte le persone con un certo cognome a Firenze ora è un discendente della gente di quel nome vissuta 600 anni fa, è probabilmente così.  Questa ricerca è stata possibile a causa di una crisi fiscale a Firenze nel 1427.  La città fu quasi in bancarotta da una guerra in corso con Milano.  Così i Priori della Repubblica ordinarono un censimento delle imposte di circa 10.000 cittadini, compresi i nomi, occupazioni, e la richezza.

I ricercatori ritengono che lo stato socio-economico sia stato calzolaioincredibilmente persistente.  I cognomi di gente a Firenze più ricche oggi appartengono stemma of the silk guilda famiglie, che, negli anni 1400 furono membri della corporazione dei calzolai.  I discendenti dei membri della gilda di seta e discendenti di avvocati sono tra i più ricchi di oggi.  (Come una condizione per l’accesso ai dati, gli autori non hanno pubblicato i cognomi.)

Studi convenzionali di mobilità economica in generale esaminare il cambiamento attraverso una generazione – spesso si confrontano i redditi dei padri e dei loro figli.  Questi studi dimostrano che la mobilità varia in modo significativo da paese a paese.  Usano il termine “elasticità” dove una elasticità dell’1 significa che il livello di reddito è perfettamente ereditato tra padre e figlio, mentre una elasticità dello 0 non significa alcuna eredità.  Così, per esempio, i paesi nordici hanno una bassa elasticità dello 0,2 percento, mentre l’Italia, gli Stati Uniti e Gran Bretagna hanno una relativamente elevata elasticità del 0,5 percento.  La cosa importante è che anche relativamente elevata elasticità comporta molta mobilità nel tempo…anche 3 generazioni.  Ma Barone e Mocetti mostrano che, empiricamente, questo non è il caso a Firenze e che il reddito persiste attraverso 7 secoli.

Ciò che è notevole è questa scoperta in una città che ha subito il cambiamento straordinario nel corso dei secoli.  Nel 1427 Leonardo damedici Vinci e Michelangelo non erano ancora nati.  Firenze andò dal dominio sotto la famiglia dei Medici, a una Repubblica, di nuovo alla famiglia dei Medici.  La città cadde sotto il Sacro Romano Impero, la linea dei Medici si estinse, e la città è il miracoloconquistata da Napoleone.  Ha perso il suo ruolo di capitale di una città-stato per far parte del Regno d’Italia, sotto Roma.  Mussolini la governò, poi i nazisti la occuparono.  Dopo la guerra, la città conobbe un periodo noto come “il miracolo economico italiano,” con il PIL in crescita di oltre l’8% all’anno.  Il PIL è cresciuto di più in quel periodo che in tutti i 5 secoli, 1400-1900.

Questo studio non comporta che i ricchi diventino sempre più ricchi e i poveri siano sempre più poveri, che è un importante argomento economico e politico oggi.  Questa ricerca non è riguardo ai super-ricchi (il top 1 percento del reddito).  La portata della ricerca degli autori è per una popolazione complessiva.download

Advertisements
This entry was posted in Firenze, Foto, Italia, Italiano, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s