Il mistero di Stradivari (o Stradivarius)

StradAntonio Stradivari (in latino, Antonius Stradivarius) fu un liutaio italiano, un costruttore di strumenti a corde di straordinaria fattura come violini, viole, violoncelli, chitarre, e arpe.  Il nome “Stradivari” o “Stradivarius” connota l’eccellenza nella liuteria, anche se altri liutai della giornata, come Amati e Guarneri, anche produssero strumenti di suono eccellente.

La vita e l’opera di Stradivari sono circondate da un alone di mistero,download cominciando con la sua nascita.  I documenti sono incoerenti, ma si ritiene che sia nato intorno al 1644, presumibilmente a Cremona.  L’origine del nome potrebbe essere o il plurale di Stradivare, che significa “toll-man” in Lombardia, o “de Strataverta” from Strada averta, che significa strada aperta in dialetto cremonese.

Tra l’età di 12 e 14 anni, Stradivari probabilmente diventò un apprendista di Niccolò Amati.  Un’altra teoria dice che iniziò come nella bottegafalegname, oppure, invece di essere un apprendista, fu impiegato da Amati per decorare i suoi strumenti.  In ogni caso, è interessante che i primi strumenti di Stradivari avevano meno somiglianza con quelli di Amati che gli strumenti più tardi.

Ma il mistero più duraturo di tutti è come Stradivari creava strumenti a corde di tale suono straordinario.  Nonostante i progressi tecnologici, i suoi violini rimangono il gold standard.  Per centinaia di archivioanni, gli scienziati cercavano di scoprire i segreti che stanno dietro la maestria del Cremonese.  Uno dei più recenti studi di ricerca da parte di un gruppo multidisciplinare con sede a Milano che ha tentato di esplorare il ruolo della decorazione sulla produzione del suono.  Lo studio ha rivelato che le losanghe bianche sui bordi della tavola armonica sono di avorio e che la filettatura nera sui lati degli strumenti sono dipinte con inchiostro nero e non sono ebano schiacciato normalmente utilizzato al momento.  Ma lo studio non ha dimostrato nulla del suono incredibile.

Dopo 33 anni di indagini, nel 2009, un professore all’Università del Spagnolo IITexas ha concluso che fu una combinazione di sostanze chimiche che Stradivari usava per trattare i suoi strumenti contro tarli che hanno causato il suono unico.  E nel 2012 un professore svizzero ha concluso che il segreto era tutto nel legno:  gli inverni freddi in Europea alla fine del XVII secolo resero il legno compatto, ma elastico.  Queste teorie sono interessanti, ma inconcludenti.  Stradivari utilizzò abete rosso per la parte superiore degli strumenti, salice per i blocchi interni e rivestimenti, e acero per la schiena, costole, e il collo.

Dei circa 1.000 strumenti che Stradivari e il suo atelier effettuarono il monumentotra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo, circa 650 esistono oggi.  O sono esposti in musei come il Smithsonian o di proprietà privata.  Perché un Stradivarius può costare circa $5 milioni di oggi, di solito sono acquistati da ricchi benefattori, che a loro volta li prestano a musicisti sensa alcun costo o in cambio di concerti privati, pubblicità, o altri termini.

 

Advertisements
This entry was posted in Arte, Foto, Italia, Italiano, Musica, Storia. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s